Nono mese di gravidanza, cosa succede?

La gravidanza: come inizia e come si sviluppa

Un interessante video che spiega passo dopo passo la gravidanza. Dalla fecondazione dell'ovulo allo sviluppo del feto, una guida che spiega in modo semplice cosa accade durante i mesi della gestazione. Tutto sul feto e su come il corpo della mamma e del bambino cambiano con il passare delle settimane.

FacebookTwitter

L’ottavo mese di gravidanza si è appena concluso ed è iniziato il nono mese di gravidanza, ormai manca davvero pochissimo al momento del parto. Il vostro bambino, che presto stringerete tra le braccia, dovrebbe essersi già sistemato in posizione podalica (con la testa verso il basso) e dovrebbe pesare all’incirca 2,5 kg ed essere lungo 45-50 cm. La sua pelle ora è rosata, il corpo rotondeggiante e tutti gli organi e apparati risultano formati. Scopriamo quindi cosa succede in queste ultime settimane.

Quando inizia e cosa succede

Quando inizia il nono mese e precisamente a quante settimane? Il nono mese ha inizio a 35 settimane + 1 giorno e termina a 40 settimane. In questo ultimo periodo il bimbo, completamente maturo, distinguerà le sue gambe dalle braccia e farà fatica, per la dimensione, a girarsi nel liquido amniotico. Visto il poco spazio a disposizione, i movimenti fetali potrebbero essere meno frequenti. A questo punto dovrebbe essere podalico, ovvero con la testa in basso, posizionata contro i muscoli pelvici. Proprio per questo la vostra pancia scende, quindi respirerete un po’ meglio, ma sentirete un maggiore desiderio di urinare perché schiaccerà ancora di più la vescica. E’ probabile inoltre riscontrare un certo aumento di peso.

Come prepararsi al parto

nono-mese-di-gravidanza

Il parto, come abbiamo detto, è ormai vicino, conviene quindi preparare la valigia e tenervi pronte. Capirete quando sarà il momento non appena si scioglierà il tappo mucoso, perdendo un po’ di sangue. Si verificherà inoltre la rottura delle acque, mentre le contrazioni aumenteranno in frequenza e intensità. Attenzione però, in queste ultime settimane potrebbero manifestarsi anche le contrazioni di Braxton Hicks, i cui sintomi non vanno confusi con quelli delle vere contrazioni, che sono invece ravvicinate e dolorose.

Sintomi

Ora l’utero, notevolmente aumentato di volume, preme moltissimo sulla vescica determinando una minzione frequente. Si verifica inoltre compressione a livello intestinale, per questo potreste avvertire sintomi come stitichezza o diarrea. Sono frequenti disturbi e dolori a livello dell’osso sacro, dolori mestruali, dolori al basso ventre, acidità, gambe gonfie, giramenti di testa e in certi casi persino nausea, che fortunatamente si può combattere con i rimedi naturali. Capita spesso di sentire la pancia dura e di provare una sensazione di stanchezza frequente, per questo si consiglia molto riposo. Si possono avere perdite bianche o di altro colore, non sono pericolose ma fate attenzione a quelle rosse, solitamente precedono l’inizio del travaglio. A livello emotivo potreste essere molto stressate, soffrire di insonnia ed alternare eccitazione ad angoscia. Infine tenete presente che secondo gli esperti, camminare e fare l’amore in questo periodo favorirebbero il parto, non vi resta che provare!

Segui Pour Femme

Sabato 31/05/2014 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Scopri PourFemme
torna su