Neonati: se il cordone ombelicale non cade, sanguina o presenta pus

neonati cordone ombelicale

Il cordone ombelicale, cade da solo in genere nel giro di 10-15 giorni, dopo essersi seccato e senza destare problemi. A volte però questo non succede. La sua caduta può avvenire anche dopo tre settimane, il che non deve preoccupare. Per favorire il suo essiccamento è necessario proseguire con le dovute medicazioni (attraverso alcool denaturato al 70 %…tranquille, non brucia è pelle insensibile). Fate asciugare bene la parte prima di applicare la garza sterile e mettete il pannolino in modo che la pipì non arrivi in corrispondenza del cordone ombelicale. Vedrete che prima o poi cadrà!

Lo stesso discorso vale se notate un leggero sanguinamento sul moncone. E’ come una crosticina ed il contatto con il pannolino può sfregare la parte. Non vi preoccupate. Non entrate in agitazione neanche se il sangue lo vedete nei primi giorni immediatamente successivi alla caduta del cordone ombelicale: può capitare. Tamponate e disinfettate la parte.

Chiamate invece il medico in quei rari casi in cui si apre la molletta del cordone, il sanguinamento non si ferma dopo 10 minuti di tamponamento, prosegue per più di 3 giorni nonostante le medicazioni o comunque vi sembra infetto.

A questo proposito va detto che in prossimità dell’ombelico è possibile che si formi del pus. In genere si tratta di infezioni batteriche, trattabili adeguatamente e senza problemi. Ma bisogna agire presto, affinché i batteri non si diffondano nell’organismo del neonato.

Il pediatra saprà consigliarvi al meglio, ma nel frattempo continuate a prestare attenzione all’igiene ed evitate di utilizzare in prossimità della fossa ombelicale (o del cordone non ancora caduto) talco ed unguenti. Il primo può causare irritazione ed i secondi un umidità favorevole al ristagno della situazione.

Fonte | Saperidoc

Segui Pour Femme

Venerdì 15/10/2010 da

Commenti (1)

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Conservazione cellule staminali 15 febbraio 2012 16:07

grazie per questi preziosi consigli.

Rispondi Segnala abuso
Segui PourFemme
Scopri PourFemme
torna su