Naufragio Costa Concordia: bimbo aveva perso il peluche preferito, i sub glielo riportano

da , il

    Orso peluche Costa Concordia

    Tra le tante storie tragiche che emergono dal relitto della Costa Concordia, naufragata al largo dell’isola del Giglio, ve ne sono alcune che aprono il cuore alla speranza e alla tenerezza. Come la vicenda di un bimbo di Verona, per fortuna sopravvissuto alla fatale crociera e felicemente tornato a casa con il suo papà dopo il primo periodo successivo al disastro navale, trascorso presso una famiglia di Campese del Giglio, tra le tante che hanno aperto le porte delle loro abitazioni ai naufraghi in quei concitati giorni seguiti all’incidente. In realtà, la storia di questo bambino comincia proprio una volta rientrato a casa, quando, in teoria, le sue paure avrebbero dovuto placarsi.

    Durante il naufragio della Costa aveva perduto il suo amatissimo orsetto di peluche, il suo preferito e l’unico grazie al quale riusciva ad addormentarsi da quando aveva perso la sua mamma. Lo so che già vi sentite stringere il cuore, come è capitato a me quando ho letto di questa vicenda.

    Insomma, il bimbo passa notti agitate e insonni, e il padre soffre con lui, e si confida proprio con i membri della famiglia che aveva ospitato i due all’isola e con i quali, evidentemente, si è creato anche un bel rapporto di amicizia.

    E qui scatta quella fantastica operazione solidarietà che tanto spesso ci rende merito come italiani, perché la famiglia di Campese, a sua volta, avvisa della perdita subita dal bimbo veronese i vigili del fuoco, i quali si attivano immediatamente.

    I sub che scandagliavano il relitto vengono informati e, così, incredibilmente, riescono a recuperare l’orsetto di peluche, ancora integro, il quel magicamente torna tra le braccia del suo legittimo proprietario. Pensiamo alla gioia di quel bimbo, che finalmente potrà di nuovo dormire sogni tranquilli, e applaudiamo anche alla catena umana che ha permesso questo salvataggio. Piccole grandi storie che scaldano il cuore.