Libri per le mamme: “Di materno avevo solo il latte” di Deborah Papisca

da , il

    Di materno avevo solo il latte

    E’ dedicato alle mamme sull’orlo di una crisi di nervi il nuovo libro di Deborah Papisca che ha un titolo decisamente emblematico: “Di materno avevo solo il latte” ed è il racconto di quello che molto spesso le mamme non dicono e non confessano, ovvero la depressione post partum che colpisce moltissime donne in tutto il mondo. Una mamma senza istinto materno: impossibile? Beh, decisamente no! Essere madre non è una vocazione ma una cosa che va imparata giorno per giorno.

    Il libro è appena uscito, pubblicato da Dalai editore (www.bcdeditore.it). Deborah Papisca racconta la sua avventura di madre, tra alti e bassi (più bassi che alti a dire la verità), tra depressione e voglia di mollare tutto. La DPP, la depressione post partum, è una realtà.

    Nessuno le aveva mai parlato di questo disturbo e lei l’ha scoperto sulla sua pelle semplicemente digitando «maternità + pianto incontrollato + avrei voluto non essere mai nata + non pensavo che la vita fosse così ». E in tono ironico racconta la sua strada verso la guarigione e verso l’accettazione del suo nuovo ruolo di mamma.

    «Altro che corsi pre parto!» dice Deborah. «Negli Stati Uniti, dove ci vedono lungo, è nata ed è molto richiesta una figura, ancora poco diffusa da noi: la “mother assistant” (chiamata anche “doula”), che aiuta e assiste i genitori dopo la nascita del pargolo. Con la sua presenza, le madri sono meno ansiose, rilassate e vivono meglio, soprattutto dal punto di vista emozionale, il rapporto con il nuovo arrivato».