Le filastrocche per bambini sul mare e sull’estate

da , il

    filastrocche bambini mare e spiaggia

    L’estate è la stagione preferita dei bambini perché finalmente possono sentirsi liberi dagli impegni della scuola e trascorrere il loro tempo tra bagni in mare e giochi sulla spiaggia. Proprio per questo le filastrocche dedicate al mare, all’estate e alle vacanze sono davvero tantissime. Oggi vedremo insieme quelle più belle che il vostro piccolo non si stancherà mai di imparare perché evocano momenti gioiosi e di svago. Cosa c’è di meglio per un bambino che passare un’intera giornata al mare, giocando con la sabbia e concedendosi rinfrescanti bagni in mare?

    Filastrocca dei nuovi sapori

    Sabrina Giarratana

    I sapori sono viaggi

    Sono mondi che tu assaggi

    I sapori hanno orizzonti

    Hanno mari ed hanno monti

    I sapori sono immensi

    Hanno cieli molto intensi

    I sapori hanno radici

    Hanno storie ed hanno amici

    I sapori, quelli nuovi

    Non li sai se non li provi.

    dal libro “Filastrocche in valigia – Viaggi dell’andata e del ritorno”

    Ferragosto

    di Gianni Rodari

    Filastrocca vola e va

    dal bambino rimasto in città.

    Chi va al mare ha vita serena

    e fa i castelli con la rena,

    chi va ai monti fa le scalate

    e prende la doccia alle cascate

    E chi quattrini non ne ha?

    Solo, solo resta in città:

    si sdrai al sole sul marciapide,

    se non c’è un vigile che lo vede,

    e i suoi battelli sottomarini

    fanno vela nei tombini.

    Quando divento Presidente

    faccio un decreto a tutta la gente;

    “Ordinanza numero uno:

    in città non resta nessuno;

    ordinanza che viene poi,

    tutti al mare, paghiamo noi,

    inoltre le Alpi e gli Appennini

    sono donati a tutti i bambini.

    Chi non rispetta il decretato

    va in prigione difilato”.

    Filastrocca del diario di viaggio

    Sabrina Giarratana

    Caro diario, compagno di viaggio

    Spero che il mondo diventi più saggio

    Spero che il mondo diventi più giusto

    Perché a viaggiare ci ho preso gusto

    Però io vedo la differenza

    C’è molta gente che resta senza

    Di tante cose che noi abbiamo

    Caro diario, che ne facciamo?

    Spero che il mondo diventi più saggio

    Perché alle volte non è un bel viaggio.

    dal libro “Filastrocche in valigia – Viaggi dell’andata e del ritorno”