Le filastrocche per bambini che iniziano con la “I”

da , il

    i nanetti

    Torniamo alla nostra rubrica dedicata alle filastrocche per bambini. Oggi riprendiamo l’alfabeto e per voi e per i vostri piccoli ci sono tre giochi di parole che iniziano con la lettera I. La prima è dedicata ai nani, ecco spiegato il motivo della foto. La seconda, invece, è di carattere storico e racconta dei Sette Re di Roma. Infine, la più facile e la più corta narra di un bruco. Leggetele con attenzione con i vostri bambini e non perdete tutte le nostre filastrocche.

    I nani strani

    In mezzo al bosco c’erano dei nani

    che facevano mestieri molto strani.

    Uno ascoltava nascere le pannocchie,

    l’altro insegnava il salto alle ranocchie.

    Un nano imbottigliava la rugiada,

    teneva un altro le farfalle a bada.

    Un altro ancora dalla barba grigia

    chiudeva il vento dentro un valigia.

    Un altro vecchio dalla barba bianca

    prendeva il sole steso su una panca.

    Il più matto cantava barzellette;

    i nani erano nove oppure sette?

    I sette re di Roma

    Romolo della città fu il Re fondatore,

    a lui vanno in eterno gloria e onore.

    Numa Pompilio fu religioso e pio,

    fece costruire un tempio per ogni Dio.

    Tullo Ostilio fu Re guerriero,

    di fratelli Orazi andava fiero.

    Anco Marzio gran costruttore,

    del porto di Ostia fu l’inventore.

    Tarquinio Prisco etrusco di gran civiltà

    di case in muratura riempì la città.

    Servo Tullio assai intraprendente:

    di mura cinse Roma per difendere la gente.

    Di questi bravi Re a rovinar la reputazione

    ci pensò Tarquinio il Superbo, un prepotente.

    Fece tanti guai e deluse così i Romani

    che lo scacciarono e non vollero più sovrani

    Il bruco

    Bel bruco vellutato

    Che fai così agitato?

    “Ho sonno… sono nudo…

    Nel bozzolo mi chiudo…”

    E dimmi che farai

    Se chiuso lì starai.

    “A lungo dormirò,

    farfalla diverrò…”