Le faccende domestiche per bambini secondo il metodo Montessori

da , il

    Le faccende domestiche per bambini secondo il metodo Montessori

    Ecco quali sono le faccende domestiche per bambini secondo il metodo Montessori. Quante volte i genitori proibiscono ai propri bambini di svolgere un semplice lavoro in casa? Secondo il metodo Montessori tutti i bambini possono eseguire dei piccoli compiti, in base alla loro età e al loro sviluppo. Esiste proprio una tabella in cui vengono elencati i lavoretti adatti all’età dei bambini. Non resta allora che scoprire di cosa si tratta.

    I bambini hanno un’attitudine naturale nello svolgere dei compiti che hanno una finalità; proprio per questo motivo, farli contribuire nelle faccende domestiche li renderà particolarmente felici e orgogliosi. Ovviamente i vari compiti da svolgere cambiano in base all’età del bambino.

    Dai 2 ai 3 anni è possibile far sistemare ai più piccoli i loro giocattoli, inserendoli all’interno di una cesta o di un apposito contenitore. Ma con un pizzico d’impegno in più, impareranno ben presto anche a riempire la ciotola del cane e del gatto con cibo e acqua fresca. Nel momento del cambio del pannolino, lasciate che il bambino si procuri da solo tutto il necessario per cambiarsi e al momento del pranzo o della cena, con l’aiuto di mamma o papà sarà proprio lui ad apparecchiare la tavola.

    Dai 4 ai 5 anni, i bambini sono in grado di svolgere alcune semplici attività domestiche quotidiane. Lasciateli rifarsi il letto la mattina: anche se non verrà perfetto, l’importante è l’impegno che ci sta dietro. Potranno anche scaricare la lavastoviglie e pulire il tavolo, una volta terminato di mangiare. In giardino lasciate pure che i bambini tolgano le erbacce dalle aiuole o che innaffino le piante.

    Dai 6 ai 7 anni, i bambini acquisiscono una buona manualità. Potranno quindi tranquillamente svolgere attività un po’ più complesse, come spellare le patate e le carote, sostituire il rotolo della carta igienica, rimuovere la spazzatura, spolverare la scrivania e ripulire da soli la cameretta.

    Dagli 8 e 9 anni i bambini sono dei piccoli adulti e svolgono molte attività da soli, ovviamente sempre sotto l’occhio vigile di un adulto. I lavoretti che si possono far fare ai bambini di quest’età sono molteplici: caricare la lavastoviglie, lavarsi una maglia, cuocere un uovo strapazzato, cambiare una lampadina e portare il cane a passeggio sono solo alcune delle tante.

    Dai 10 anni in poi il bambino avrà acquisito abbastanza autonomia per gestire da solo la sua vita quotidiana, sia per quanto riguarda la cura di sé che dell’ambiente intorno a lui. Potrà quindi prendersi cura di tutta la casa falciando il prato, pulendo il bagno, sistemando la cucina,…oltre che cucinare diverse pietanze come un dolce o una ricetta facile e organizzare i compiti di casa, come la lista della spesa.