Lavoretti per la primavera con materiale riciclato [FOTO]

da , il

    Lavoretti per la primavera con materiale riciclato. Perché con un po’ di creatività e voglia di fare i più piccoli si possono divertire al meglio anche contenendo il più possibile i costi. Bastano dei bicchieri di plastica da buttare o dei ritagli di giornale per dare vita a progetti fai da te coloratissimi e originali, perfetti per salutare la stagione alle porte nel modo migliore.

    Fiori fai da te

    A colpi di manualità, pezzi di cartoncino colorato, magari anche ritagliato o avanzato da altri lavoretti, bicchieri di plastica, forbici, cannucce e poco altro si possono realizzare moltissimi tipi di fiori differenti.

    Un esempio? Si può creare una vera e propria composizione floreale procurandosi qualche cannuccia, da reinventare come steli, qualche pezzo di cartoncino colorato e un vecchio contenitore delle uova in cartone. Un po’ di colla, qualche ritaglio di giornale e tutto l’occorrente per i fiori eco-chic è pronto. Per comporre il tutto basta utilizzare il contenitore per le uova (privato del coperchio) come base, da riempire con delle strisce di carta di giornale, che servono per simulare dei ciuffi d’erba. Il fiore è altrettanto semplice da realizzare: si compongono petali e foglie con i ritagli di cartoncino da incollare, con l’aiuto della colla vinilica sulla cannuccia verde. Pronti i fiori non resta che “piantarli” in mezzo all’erba, fissandoli con un po’ di colla vinilica e la composizione floreale è pronta.

    In alternativa, per creare dei divertentissimi fiori si possono sfruttare i bicchieri di plastica, da tagliare verticalmente e da aprire a raggera, per poi fissarli all’estremità delle cannucce verdi.

    Coloratissime farfalle

    La primavera è la stagione dei fiori, ma anche dei colori e delle farfalle. Perché non dare vita a coloratissime farfalle a colpi di fai da te e riciclo creativo?

    Per un risultato garantito con il minimo sforzo si può optare per il collage, realizzato usando solo ed esclusivamente pezzi di carta e cartoncino riciclato e altri elementi di recupero. Allo scopo, la prima cosa da fare, su un foglio, è tracciare i contorni, con la matita o il pennarello colorato, della farfalla; contorni che vanno poi riempiti, armandosi di colla vinilica e ritagli di giornale, di colore e fantasia. Il tocco finale sono i dettagli, che se sono tridimensionali sono ancora meglio: ottimi per esempio i tappi di plastica colorati, così come i vecchi rotoli di cartone (presi dai rotoli di carta igienica finiti) da incollare al posto del corpo della farfalla dopo essere stati colorati a dovere.