Latte vaccino per i bambini: fa male? Si può darlo dopo l’anno di vita?

da , il

    Latte vaccino per i bambini: fa male? Si può darlo dopo l’anno di vita?

    Il latte vaccino per i bambini fa male? Si può darlo dopo l’anno di vita? Queste sono le fatidiche domande, che ogni mamma si pone una volta spenta la prima candelina. Il latte materno è sicuramente il migliore fra tutti ma quando non c’è, a che latte si può fare affidamento? Prima dei 12 mesi, il latte vaccino è sconsigliato da tutti, pediatri, nutrizionisti e specialisti. Ma dopo l’anno, il suo consumo non è un problema. Ecco allora tutto quello che c’è da sapere, per una corretta nutrizione.

    No prima dell’anno di età

    La comunità scientifica si è dimostrata unanime, in merito al fatto che il latte vaccino non vada somministrato prima dell’anno di età. Gli esperti hanno affermato infatti che un bambino non ha bisogno di un apporto di proteine, ferro, vitamina D e sodio come un adulto: il latte vaccino contiene ad esempio più proteine e sodio mentre ha uno scarso apporto di ferro e vitamina D. Se somministrato prima dell’anno di vita, il latte vaccino potrebbe quindi creare dei forti squilibri nutrizionali, contribuendo a sviluppare sovrappeso o obesità nei bambini.

    Allattamento al seno fino ai 6 mesi

    Il consiglio per le mamme in grado di allattare al seno, è quello di allattare almeno fino ai 6 mesi. Il latte materno è un alimento molto prezioso per il neonato: è ricco di calcio e proteine utili per la formazione e il rafforzamento delle ossa; è una fonte importante di acidi grassi essenziali, indispensabili per la crescita del cervello e della facoltà cognitiva; contiene importanti fattori tra cui le immunoglobuline e i prebiotici, che aiutano l’organismo in crescita a proteggersi da batteri, virus e altri agenti causa di malattie, e principi attivi che promuovono lo sviluppo del sistema digerente. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda l’allattamento al seno esclusivo per almeno i primi 6 mesi e poi il più a lungo possibile, anche fino ai due anni, secondo il desiderio di mamma e bambino.

    Latte vaccino dopo i 12 mesi

    Dopo l’anno di vita, il latte non è più l’alimento principale per un bambino; la sua dieta infatti è ora molto differenziata. Alcuni peditari concordano sul fatto che il latte vaccino a questa età non faccia male, ma altri prediligono i cosiddetti latti di crescita, da assumere fino al compimento dei 3 anni o almeno fino ai 24 mesi. Il latte vaccino è molto ricco di proteine ma ha meno ferro quindi non è equilibrato per la dieta di un bambino. Tuttavia, facendo attenzione all’apporto calorico giornaliero del bambino, è possibile somministrare il latte di mucca senza problemi.