La visita dal pediatra: come organizzarsi

da , il

    visita pediatrica

    Con i primi raffreddori e le prime influenze stagionali tutte noi mamme ci apprestiamo ad affollare gli ambulatori dei nostri pediatri di fiducia. Come al solito, sarà l’occasione per controllare tante altre cose oltre al moccioletto. Perché no? Magari è il momento giusto anche per fare il bilancio di salute finora rimandato. Specie con i bimbi molto piccoli, occorre prepararsi bene e preventivamente. Preparate la borsa come per ogni uscita: biberon con acqua da bere, o latte in formula nel caso ne faceste uso; ciuccio e giochini;

    abitini e pannolini di ricambio con salviettine umidificate ed il lenzuolino per appoggiare il bebé; non dimenticate una bustina per poterci mettere il pannolino sporco che eventualmente cambierete. Non è carino né igienico lasciarlo lì così.

    Ricordatevi poi di prendere il libretto pediatrico ed il cartellino delle vaccinazioni (vi conviene tenerli insieme). Se avete fatto delle analisi o dei test specifici, portateveli dietro. Non solo il pediatra potrà valutarli, ma registrerà i dati nella sua cartella oltre che sul libretto.

    Solitamente, tra una visita e l’altra, vi vengono dubbi amletici, magari non così determinanti da disturbare il medico telefonicamente: appuntateli su un foglio e portateli con voi alla visita. Mi raccomando su questo punto: ho assistito a telefonate di mamme che chiamavano il pediatra per sapere se era meglio l’omogeneizzato di coniglio o quello di manzo! Questi quesiti, pur accettabili, teneteli per il dialogo “vis a vis”, lasciate libera la linea telefonica per delle emergenze.

    Se infine per il raffreddore il medico vi segnerà dei medicinali, cercate di chiarirvi bene tutti i dubbi sulle dosi, le modalità di somministrazione e gli effetti collaterali eventuali. Terminata la visita rimettete subito in ordine tutti i documenti prenotate l’appuntamento successivo. Tornate a casa ed avete ancora perplessità?…Ecco allora telefonate pure.