NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

La tinta per capelli è pericolosa in gravidanza?

La tinta per capelli è pericolosa in gravidanza?
da in Bellezza in gravidanza, Donna Incinta, Gravidanza
Ultimo aggiornamento:
    La tinta per capelli è pericolosa in gravidanza?

    La tinta per capelli è pericolosa in gravidanza? Questo quesito preoccupa molte future mamme. In realtà, non c’è nulla da temere, perchè le sostanze utilizzate per questi prodotti vengono preventivamente analizzate e approvate dal Comitato scientifico europeo e quindi anche il loro utilizzo in gravidanza è assolutamente sicuro. Certo, è sempre meglio, prendere alcune precauzioni, come controllare le etichette e non farle troppo di frequente. Ecco allora tutto quello che c’è da sapere per tingersi i capelli senza paura, anche durante la gravidanza.

    Sicuramente, una delle cose da controllare sempre, è l’etichetta del prodotto da acquistare. E’ consigliato scegliere tinte per capelli che non contengano sostanze potenzialmente tossiche e allergizzanti, prediligendo quelle naturali, sia a casa che dal parrucchiere. Alcune delle sostanze, che è meglio evitare sono la parafenilendiamina (PFD), il nichel, l’ammoniaca e la resorcina. Occhio, quindi che non siano presenti!

    Nel primo trimestre di gravidanza, che è il più delicato, è preferibile scegliere tinte naturali, come l’hennè, che nulla hanno da invidiare a quelle chimiche.

    L’effetto è quasi uguale e voi sarete molto più tranquille. In alternativa, gli esperti consigliano prodotti come le fialette ravvivanti, gli spray riflessanti o i mascara per capelli, che rimangono sulla superficie del capello senza penetrare nella cute e nella radice.

    E’ molto importante che le tinture per capelli non vengano fatte troppo di frequente (non più di una volta al mese) e anche i tempi di posa devono essere limitati (non più di mezz’ora). Durante la gravidanza, infatti, le reazioni allergiche, come prurito, arrossamento e gonfiore, sono più frequenti, a causa delle variazioni ormonali che l’organismo della gestante subisce. E’ vivamente consigliato, effettuare prima di ogni tinta, il test di sensibilità cutanea: basterà applicare una piccola dose di tintura sulla pelle e aspettare 48 ore. Se nella zona trattata, compaiono rossori, pruriti o gonfiori, il prodotto non deve essere applicato.

    Le colorazioni da preferire in gravidanza sono quelle a ossidazione leggera tono, che coprono bene i capelli bianchi, senza alterare troppo la tonalità naturale del capello, e quelle a ossidazione classica, che penetrano nella cute fissando nel capello la colorazione desiderata.

    459

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Bellezza in gravidanzaDonna IncintaGravidanza
    PIÙ POPOLARI