La storia della Befana per bambini

da , il

    La storia della Befana per bambini

    La storia della Befana per bambini da raccontare in vista del suo arrivo. La Befana, come ben sappiamo, è una vecchietta dal naso lungo e adunco, dal volto rugoso e dal mento sporgente, che girovaga a cavallo della sua scopa. Ma è una strega buona, pronta a dispensare dolcetti, frutta, doni a tutti i bambini ad eccezione dei monelli, cui destina il carbone. E’ vecchia come l’anno appena trascorso e i regali che elargisce sono un simbolo di abbondanza e di buon auspicio per l’anno nuovo. Mentre il carbone destinato ai più monelli simboleggia le cose da lasciar andare. La storia della Befana che vi riportiamo di seguito è quella più conosciuta ma, in realtà, c’è chi ritiene che le sue origini affondino nella tradizione celtica e germanica. Sono ben 3 le divinità femminili associate alla sua figura: Holla, Signora dell’Inverno, Berchta, protettrice dell’agricoltura, e Frigg, grande Madre divina. E ora la storia della Befana e dei re Magi.

    La Befana vien di notte Con le scarpe tutte rotte Viene e bussa alla tua porta Sai tu dirmi che ti porta?” Filastrocca sulla Befana

    GUARDA LE CALZE DELLA BEFANA DA STAMPARE E COLORARE

    Esistono diverse storie della Befana, una delle quali è collegata ai Re Magi. In questa versione si dice che i Re Magi, diretti a Betlemme con i loro doni destinati a Gesù, non riuscissero a orientarsi e per questo chiesero informazioni a una vecchia signora, invitandola ad accompagnarli fino a destinazione. La vecchia indicò loro la strada ma non volle incamminarsi in compagnia. Quando i Re Magi si allontanarono ci ripensò e per scusarsi, preparò loro un bel cesto pieno di dolcetti.

    Purtroppo non riuscì a ritrovarli ma, nella speranza di giungere alla casa di Gesù Bambino, iniziò a fermarsi in ogni casa dispensando le delizie ai piccoli che vi abitavano. Da quel momento, ogni anno la Befana girovaga per il mondo elargendo i suoi doni ai bambini nella speranza di farsi perdonare da Gesù.

    GUARDA I CARTONI ANIMATI DEDICATI ALLA BEFANA

    Dolcetto o scherzetto?