La stitichezza in gravidanza: sintomi e rimedi

Scopriamo quali sono i sintomi e i rimedi della stitichezza in gravidanza, un disturbo molto diffuso durante i 9 mesi, soprattutto a partire dal terzo trimestre. Le cause sono diverse, dall'ormone progesterone all'alimentazione scorretta fino allo stress. Cerchiamo di capire quando si presenta, cosa provoca e cosa fare per risolvere il problema.

da , il

    La stitichezza in gravidanza: sintomi e rimedi

    La stitichezza in gravidanza è un disturbo frequente e può presentarsi anche a inizio gravidanza sebbene sia più diffusa dal terzo trimestre in poi. Tra le cause principali l’aumento di determinati ormoni, in special modo il progesterone, che contribuiscono a rallentare i movimenti intestinali. Lo stile di vita più rilassato, lo svolgimento di meno sport, l’aumento del fabbisogno idrico, la compressione e la dislocazione del colon da parte dell’utero concorrono a loro volta a provocare questi disturbi della gravidanza. Fortunatamente la stitichezza non fa male al bambino, è semplicemente un disturbo fastidioso per la futura mamma. Scopriamo quali sono i sintomi più comuni, quando inizia e cosa prendere per la stitichezza in gravidanza.

    Stitichezza in gravidanza: i sintomi

    Dolori addominali, gonfiore, flatulenza, feci dure sono i sintomi più diffusi della stitichezza in gravidanza. Non va sottovalutato nemmeno l’aspetto psicologico, spesso infatti la stipsi è fonte di ansia, irritabilità, insonnia.

    I dolori addominali che la accompagnano non devono essere confusi con le contrazioni, come spesso accade perché si tende a pensare che siano simili.

    Stitichezza in gravidanza: i rischi

    Nonostante la minima pericolosità dei sintomi in se stessi, le conseguenze che possono derivarne sono piuttosto spiacevoli.

    Tra queste la comparsa di emorroidi e l’alterazione della flora batterica, causata da un prolungata presenza delle feci nell’intestino. Ne possono conseguire cistiti e vaginiti dovute ai batteri che raggiungono le vie urinarie e genitali, provocando prurito, fastidio e bruciore.

    Cause

    Le cause della stitichezza in gravidanza sono diverse ma di solito nelle prime settimane dipende dall’aumento del progesterone, ormone femminile che controlla le contrazioni uterine e che rallenta la peristalsi intestinale. Altra causa nel periodo successivo il pancione che ostacola l’evacuazione delle feci dure.

    Ulteriore causa è l’aumento della capacità dell’intestino di assorbire acqua, trattenendone di più. Le feci infatti possono risultare impoverite d’acqua e indurirsi rallentando il transito.

    In definitiva da quando inizia la stitichezza? Come premesso può presentarsi già a partire dal primo trimestre ma è più frequente nel terzo trimestre, a causa dell’ingrossamento dell’utero e dello stile di vita più sedentario.

    Quando passa? Dipende da donna a donna, in alcune gestanti perdura fino al parto, altre invece riescono a contrastarla prima adottando una serie di buone abitudini, correggendo l’alimentazione o ricorrendo a rimedi specifici.

    Stitichezza in gravidanza: rimedi

    Cosa mangiare e quali i rimedi più efficaci per prevenirla e combatterla? La migliore prevenzione sta nella corretta alimentazione, vanno privilegiati in particolare cibi ricchi di fibre come frutta e verdure lassative, ideali per combattere la stitichezza in gravidanza. E’ inoltre importante mangiare con calma.

    Si consiglia inoltre il consumo di:

    • Latticini, soprattutto latte e yogurt.
    • Cereali e legumi.
    • Olio extra vergine di oliva come condimento.
    • Tisane per la regolarità intestinale.
    • Acqua da bere ogni giorno in abbondanza (almeno 1 litro e mezzo).
    • Prugne o fichi secchi messi in ammollo in acqua.
    • Un bicchiere di acqua tiepida al mattino prima della colazione.

    Una moderata attività fisica quotidiana, basta anche qualche paseggiata, può favorire la peristalsi intestinale.

    E’ possibile ricorrere anche a specifici farmaci per la stitichezza in gravidanza e lassativi, ma solo se prescritti dal medico. C’è chi consiglia anche il clistere, che deve essere inserito attraverso l’ano per immettere soluzioni liquidi nel retto e nel colon dalla funzione lassativa.

    Rimedi naturali

    Molteplici anche i rimedi naturali per sconfiggere la stitichezza, da preferire, quando possibile, ai farmaci:

    • Infusi a base di malva, che favoriscono la formazione di feci morbide.
    • Semi di lino e di psillio, utili per lubrificare e ammorbidire le feci.
    • Glucomannano, sostanza che favorisce il passaggio degli alimenti nell’intestino.
    • Tamarindo, efficace lassativo naturale.

    Se la stitichezza non dovesse accennare a diminuire nonostante il ricorso regolare a questi rimedi naturali, sarà il caso di consultare il medico per un terapia farmacologica. Non affidatevi assolutamente al fai da te, lassativi e supposte di glicerina possono essere pericolosi se assunti in modo scorretto.