La Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza si celebra il 20 novembre

da , il

    Happy childhood

    Il 20 novembre si celebra la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza: una ricorrenza speciale pensata per ricordare la data in cui la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia fu approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, il 20 novembre 1989. Questa data ha anche altri significati molto importanti e coincide con la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo (1789) e la Dichiarazione dei Diritti del Bambino (1959). In tutto il mondo saranno tantissime le iniziative per celebrare e commemorare questo evento così importante, perché i bambini sono il nostro futuro e devono essere preservati, sempre e comunque.

    Interessanti e numerose le iniziative che si svolgeranno in tutte le città d’Italia con laboratori, incontri ed eventi di solidarietà. Il tema della Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sono le differenze, culturali e di qualsiasi genere, che devono essere viste come una fonte molto importante di arricchimento umano. Diversità non è quindi sinonimo di isolamento e chiusura, ma di unicità.

    Tra le altre, ricordiamo l’iniziativa della Fondazione Francesca Rava dal titolo “In farmacia per i bambini”. In 800 farmacie italiane il 20 novembre troverete la Carta dei diritti dei bambini e ci sarà una raccolta benefica di farmaci da banco, alimenti e prodotti per i bambini che verranno poi devoluti a 160 case famiglia ma anche all’ospedale pediatrico Saint Damien di Haiti.

    A Milano inoltre, alle 9.30 partirà la marcia “Io e tu” organizzata da Unicef, Arci, Arciragazzi con il patrocinio del Comune di Milano: parteciperanno 2 mila studenti che marceranno per il centro per ricordare agli adulti i diritti dei ragazzi e degli adolescenti.

    A Roma invece dalle 10 nella sala Capitolare del Senato comincerà il convegno “Tra vecchie e nuove povertà: i minori in Italia a 25 anni dalla Convenzione di New York” promosso dalla commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, con il dipartimento per le politiche della famiglia e il ministero del lavoro e delle politiche sociali. Maria Elena Boschi, ministro per le riforme, Vincenzo Spadafora, Garante nazionale per l’infanzia e Michela Vittoria Brambilla, presidente della commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza saranno alcuni dei relatori presenti.

    “In questi 25 anni abbiamo compiuto progressi sul piano legislativo – ha detto l’onorevole Michela Brambilla – ma non è ancora sufficiente il livello di protezione reale dei diritti dell’infanzia. È un vero scandalo, per esempio, la diffusione dei maltrattamenti, sconcerta che lo 0,98% dei nostri minori sia presa in carico ogni anno dai servizi sociali per maltrattamento e abuso sessuale“.

    Allarmanti anche i dati sulla povertà minorile in Italia: da una recente indagine conoscitiva effettuata dalla commissione parlamentare per l’infanzia, su 10 milioni di minori, i bambini in stato povertà assoluta sono 1.434.000, nel 2013, con un aumento spaventoso rispetto ai 723 mila del 2011.

    Al Governo si chiedono quindi delle politiche immediate di prevenzione e protezione dei minori: sono ancora tanti, troppi, i bambini maltrattati, abusati e che vivono in condizioni degradanti e di pericolo costante.