La foto del neonato con in mano il contraccettivo che ne avrebbe dovuto impedire il concepimento

Una mamma statunitense ha pubblicato su Facebook la foto del figlio appena nato con in mano il contraccettivo, una spirale, che ne avrebbe dovuto impedire la nascita. L'immagine, ora rimossa da Facebook, ha fatto il giro del web suscitando anche polemiche.

da , il

    La foto del neonato con in mano il contraccettivo che ne avrebbe dovuto impedire il concepimento

    Una mamma ha pubblicato su Facebook la foto del figlio con in mano il contraccettivo che ne avrebbe dovuto impedire il concepimento, specificando nella didascalia: “Hai fallito“. La donna faceva riferimento al metodo anti-concezionale utilizzato, una spirale che evidentemente non ha funzionato come avrebbe dovuto. L’immagine del bimbo appena nato, che è già stata rimossa dal social network, ha fatto il giro del mondo suscitando anche qualche polemica.

    Il neonato con il contraccettivo su Facebook

    Un bambino appena nato di nome Dexter è diventato suo malgrado protagonista di un post pubblicato su Facebook dalla madre Lucy Hellein, o forse dall’infermiera che ha seguito il parto. La foto del bambino con in mano il contraccettivo, come a dire “Non ha funzionato ed è nato lui“, ha fatto il giro del web suscitando diverse polemiche. L’immagine, al momento rimossa dal social network, è stata giudicata da alcuni follower di cattivo gusto. Naturalmente è lecito che una donna non desideri più figli e che l’arrivo imprevisto di un nuovo bebè possa scombussolare la vita, ma c’è modo e modo di farlo sapere. Ma forse, stando alle testimonianze, la foto non è stata pubblicata da Lucy bensì dall’infermiera che l’ha accompagnata durante il parto, totalizzando nel giro di breve oltre 70mila condivisioni.

    La storia

    La storia è semplice: Lucy, già mamma di due bambini, non desiderava altri figli e per questo utilizzava la spirale anticoncezionale Mirena, che però si è rivelata inutile nonostante abbia un’efficacia del 99%. Dexter, nato con parto cesareo in un ospedale dell’Alabama, è arrivato comunque, evidentemente come ha suggerito Lucy, “Era destino che nascesse“. La mamma statunitense ha specificato di aver usato questo tipo di concezionale per la terza volta e che le prime due si era rivelato efficace: “Le prime due ha funzionato perfettamente. Ho inserito il nuovo nel mese di agosto e a dicembre ho scoperto di essere incinta. L’ecografia ha confermato che era già di 18 settimane e la spirale non era visibile, quindi la mia ostetrica ha immaginato che fosse caduta, ma non ne era convinta“. In effetti si è poi scoperto che la spirale non era caduta ma si trovava nella placenta della donna. Da qui è stata raccolta dall’infermiera che la seguiva.