L’obesità dei bambini dipende dal fumo e dal peso della mamma in gravidanza

da , il

    La scioccante verità sul fumo

    Il vostro bambino diventerà obeso? Grazie ad un recente studio, potrete prevederlo a partire dai tre anni di età e quello che influenza lo stato dei piccoli è il comportamento della mamma in gravidanza. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori canadesi dell’Università di Montreal con una ricerca pubblicata su Archives of Pediatric and Adolescent Medicine. I bambini figli di donne sovrappeso e che fumano hanno molte più possibilità e rischi di diventare obesi da adulti: ecco l’ennesimo studio che dimostra come le abitudini delle madri in gravidanza influenzano lo sviluppo futuro del figlio.

    ”Abbiamo scoperto che tutti i bambini fino ai due anni e mezzo circa avevano traiettorie di indici di massa corporea simili”, dice Laura Pryor, prima autrice dello studio.

    Secondo lo studio infatti è dai tre anni di età che si possono cominciare a vedere i primi cambiamenti nella struttura del bambino. Ricordate che due sono i fattori che influenzano più di tutti la possibilità per i bambini di diventare obesi, ovvero il sovrappeso delle mamme durante la gravidanza e l’abitudine al fumo.

    Il fumo causa moltissimi danni al feto, ormai lo sappiamo bene, eppure ci sono ancora moltissime donne che continuano a fumare. Un recente studio ha anche sottolineato come: «Non solo il peso alla nascita era molto più alto di quanto non fosse nei bambini nati da madri che avevano continuato a fumare ma abbiamo anche scoperto che i neonati hanno raggiunto la stessa età gestazionale e la medesima circonferenza della testa di quelli nati da donne che non avevano mai fumato».

    Pensate che ben il 40% delle donne italiane continua a fumare in gravidanza nonostante ormai le campagne di informazione siano chiare ed ogni donna non può non sapere i rischi che corre il bambino.