L’importanza delle verdure nello svezzamento del bambino

da , il

    verdure nello svezzamento

    La verdura è fondamentale nello svezzamento del bambino ma bisogna fare un po’ di attenzione perché ad ogni età corrisponde l’inserimento di un determinato tipo di verdura. Ad esempio, proporre i pomodori prima dei 10 mesi potrebbe essere pericoloso perché i piccoli potrebbero soffrire di allergie: allo stesso modo è sempre meglio cominciare con verdure più dolci e che possono essere apprezzate dai piccoli e lasciare i sapori più acidi e amari per i mesi successivi. Oggi vi daremo qualche consiglio per l’introduzione delle verdure nella dieta del bambino fornendovi anche uno schema utile, mese per mese.

    Quando comprate le verdure per lo svezzamento comunque preferite sempre prodotti di stagione, consumandole anche rapidamente senza lasciarle troppo in casa ma soprattutto pulendole benissimo prima dell’uso.

    Ed ecco uno schema chiaro con le verdure da inserire mese per mese:

    4-6 mesi: cominciate con le patate, le carote, le zucchine e le erbette, dal gusto dolce;

    7 mesi: Aggiungete anche la zucca, i fagiolini, gli spinaci, il sedano e i finocchi per abituare i piccoli anche ai gusti più amari;

    8 mesi: eliminando il gambo, aggiungete nella sua dieta anche gli asparagi, i porri e i carciofi, dal sapore più forte;

    10 mesi: provate con il pomodoro, spellato e senza semi. Attenzione sempre ai pomodori prima dei 10 mesi perchè possono scatenare reazioni allergiche;

    12 mesi: cipolle, verze e cavoli, per introdurre anche il sapore amaro;

    18 mesi: il bambino può mangiare tutto, anche le verdure crude, a pezzetti o grattugiate. Ottimi anche i centrifugati di verdura e frutta, freschi e sani.