Insonnia nei bambini: cause e rimedi naturali

da , il

    insonnia-nei-bambini

    Insonnia nei bambini, quali le cause? I casi di insonnia infantile sono in crescente aumento, bimbi tra i 3 e i 15 anni, ma anche più piccoli, faticano di frequente ad addormentarsi o sono soggetti a risvegli notturni. Sotto accusa non solo le cattive abitudini alimentari e gli orari sballati dei genitori ma anche la tecnologia, perché tablet, pc e cellulari fino a tarda sera non conciliano affatto il buon sonno. Per combattere l’insonnia nei bambini è fondamentale apportare qualche modifica alle cattive abitudini, ma se ciò non dovesse bastare si potrà ricorrere ad alcuni efficaci rimedi naturali.

    Cause

    Tablet, telefonini e computer fino a tarda sera influiscono negativamente sul sonno dei bambini, che comporta rischio elevato di obesità, ma non sono certo le uniche cause. Cene pesanti ricche di grassi e orari sballati favoriscono a loro volta l’insorgere dell’insonnia, che a quanto pare colpisce un numero sempre più crescente di bimbi fino ai 15 anni d’età. Altro fattore affatto trascurabile la temperatura della cameretta che non dovrebbe superare i 18 gradi. Poi ovviamente ci sono le cause psicologiche, in contesti familiari dove i litigi sono all’ordine del giorno i bambini sono più soggetti a incubi notturni e disturbi del sonno.

    Rimedi naturali

    La camomilla è uno dei rimedi naturali più utilizzati per curare l’insonnia nei bambini, le sue proprietà rilassanti contribuiscono a calmarli favorendo di conseguenza l’addormentamento. Vi si possono preparare infusi, può essere utilizzata sotto forma di essenza o di olio naturale. Solitamente non presenta controindicazioni ma è opportuno non esagerare con le dosi. Altro rimedio efficace la melatonina, ormone prodotto naturalmente dal corpo umano che regola il ritmo circadiano. Nonostante la si ritenga priva di effetti collaterali, prima di somministrarla è consigliabile consultare il pediatra. A seguire l’olio di lavanda, che va utilizzato per massaggi rilassanti o sciolto nell’acqua del bagnetto, infine la passiflora, particolarmente diffusa nel Regno Unito, consumata sotto forma di infuso o tisana. La pianta è ben nota per le sue proprietà calmanti, difatti è consigliata a chi soffre di ansia e insonnia.