Insegnare ai bambini a riordinare i giochi: 8 consigli per riuscirci

Ecco 8 consigli per insegnare ai bambini a riordinare i giochi senza dover ricorrere a punizioni e urla, che in realtà sortiscono l'effetto contrario.

da , il

    riordinare giochi

    Insegnare ai bambini a riordinare i giochi non è semplice ma nemmeno impossibile, a dispetto di quanto si crede. Mai come in questo caso vale la regola del buon esempio. Perché un bambino abituato a vivere in una casa ordinata, tenderà a preferire ambienti organizzati. Nonostante ciò, potrebbe essere svogliato nel fare ordine, specialmente se mamma e papà ci pensano al posto suo, senza invitarlo a dare una mano. Ma come fare per convincerli? Ecco 8 consigli per riuscirci.

    Incoraggiarli con qualche premio

    C’è chi sostiene che sia sbagliato premiarli, ma che farà mai un regalino innocuo per incoraggiarli, perlomeno all’inizio, a rimettere i giochi a posto?

    Convincerli improvvisando giochi

    Un’altra idea carina consiste nel convincerli a rimettere in ordine improvvisando un gioco: per esempio potreste proporre loro una gara a tempo. Chi riordina più velocemente vince.

    Proporre loro di aiutarvi

    Sebbene i più grandicelli non siano propensi in tal senso, i piccolini amano copiare mamma e papà. Vedendovi sistemare, e chiedendo loro di unirsi a voi, potreste ottenere più di quanto vi aspettate.

    Richiamare la loro attenzione con un canto

    In alcuni sistemi educativi si adotta questa strategia: canticchiare una filastrocca del riordino che suggerisca ai bambini, giorno dopo giorno, che è il momento di rimettere a posto i giocattoli.

    Posizionare i giochi in un posto fisso

    Può sembrare inutile ma gli esperti assicurano che posizionare i giocattoli sempre allo stesso posto, induce i bambini a mettere ordine nel campo percettivo.

    Posizionare i giochi a portata di mano

    E’ importante che le scatole e i contenitori dei giochi siano collocati a portata di mano dei piccoli. Un luogo irraggiungibile non li invoglia a fare ordine, visto che solo mamma e papà possono accedervi.

    Abituare i bambini a fare ordine nella quotidianità

    Un bambino che non collabora nella quotidianità, riponendo per esempio il piatto nel lavabo, mettendo da parte i suoi vestiti e riordinando casa, difficilmente collaborerà in altre occasioni.

    Procuratevi contenitori colorati

    Il riordino è più divertente se i contenitori sono coloratissimi, fantasiosi, vivaci. Quindi al bando tristezze cromatiche ed evviva l’arcobaleno. I bambini ne vanno matti.