Inginocchiarsi per parlare con i bambini: il metodo educativo del principe William e di Kate Middleton

La stampa inglese ha notato che, nella maggior parte degli scatti che ritraggono Kate Middleton e il principe William con i loro figli, la coppia reale è quasi sempre inginocchiata, abbassata nell'intento di parlare affettuosamente con i bambini. Gesti studiati solo per ottenere pose eleganti? Alcuni studi spiegano quanto sia importante questo atteggiamento e rivelano i segreti delle educatrici di casa Windsor.

da , il

    Inginocchiarsi per parlare con i bambini è un gesto che il principe Wiliam e la moglie Kate fanno costantemente quando si rivolgono ai più piccoli. La stampa inglese, sempre attenta alla famiglia reale, amatissima e seguita con interesse da tutto il popolo, si è di recente chiesta come mai il principe William si inginocchi sempre quando parla con il piccolo George o con la figlia Charlotte.

    Le foto che lo ritraggono, infatti, mostrano un papà attento alle parole del figlio, che lo ascolta e gli si rivolge chinandosi accanto a lui, per porsi sempre al suo livello.

    Non si tratta semplicemente di un portamento regale, dettato dall’etichetta e dalle regole che la famiglia reale deve scrupolosamente seguire per sfoggiare sempre l’eleganza che li contraddistingue. Nella scelta del principe c’è di più: l’atteggiamento adottato da William nel rivolgersi ai propri figli ha incuriosito un po’ tutti e ci si chiede se delle super baby sitter abbiano istruito il principe, insegnandogli come comunicare al meglio con i bambini.

    Il principe William si inginocchia per presentare il figlio George a Barack Obama

    La notizia giunge anche in Spagna, dove il quotidiano El Paìs la riporta parlando di “ascolto attivo” e fa riferimento agli studi di grandi psicologi americani come Richard E. Farson e Carl Rogers, per spiegare quanto sia di fondamentale importanza, all’interno del processo comunicativo, il porsi allo stesso livello della persona che ci ascolta.

    La posizione del bel reale aiuta il principino George e la figlia Charlotte a sentirsi parte del mondo degli adulti e, allo stesso tempo, favorisce un’apertura da parte del genitore che, avvicinandosi al figlio, mostra empatia: i bambini in questo modo si sentono ascoltati e il padre, o la madre, hanno la possibilità, grazie al contatto visivo, di trasmettere la sensazione di essere realmente interessati al proprio figlio.

    Kate parla con il figlio George

    Stare in piedi, rispondere ai bambini guardandoli dall’alto, al contrario, può avere come effetto quello di far credere loro che non li stiamo ascoltando, che ci stiano infastidendo, o addirittura, questo approccio può apparire come un’indicazione di eccessiva permissività, segno che siamo disposti a concedere qualsiasi cosa.

    E, se per crescere un perfetto principino anche la Casa reale si inginocchia, perché non farlo anche con i nostri figli?

    William e Kate parlano ai loro figli, George e Charlotte