Influenza stagionale: in arrivo sui banchi di scuola

da , il

    influenza bambini contagio scuola

    L’influenza stagionale si presenta ufficialmente in questi giorni e lo fa purtroppo passando dalla scuola. I nostri figli, come sappiamo per esperienza diretta sono particolarmente a rischio di contagio. Questo perché nelle classi affollate la trasmissione di virus e batteri è quanto mai semplice: basta uno starnuto, condividere un gioco o una matita colorata ed il passaggio è certo! Ma allora cosa fare? Da tempo dal Ministero per la Salute sono arrivate le linee guida sulla vaccinazione, l’arma principale che abbiamo a disposizione.

    Il Ministro Fazio ne ha ribadito proprio ieri in un’intervista la necessità, specie per le categorie a rischio. Tra queste, i bambini affetti da malattie croniche: cardiopatie, malattie renali, asma, fibrosi cistica, tumori e malattie ematologiche. Per il resto dovrà scegliere il medico a seconda dei casi, ma i pediatri suggeriscono di vaccinare comunque tutti quei bimbi dai 6 mesi ai 5 anni che vanno al nido o comunque a scuola.

    Il preparato comprende tre ceppi virali diversi compreso quello pandemico dello scorso anno. Rimangono poi tutti gli altri virus definiti parainfluenzali che comunque possono provocare febbre alta e malessere generale. Allora che fare?

    Ricordare ai nostri bambini quanto sia importante lavarsi le mani e nutrirli adeguatamente con frutta e verdura. Le vitamine, specie quella C che possiamo offrire loro con una dolce spremuta d’arancia sono sicuramente protettive. Non dimentichiamo poi i classici raffreddori, che poco hanno a che vedere con i virus: evitiamo di mandare i nostri figli a scuola con vestiti troppo pesanti: suderebbero e non sarebbe un bene. Piuttosto vestiamoli a cipolla “sopra” il grembiule: giacchetto e giubbino (o cappotto).