Il valore del denaro e del risparmio spiegato ai bambini

Aiutiamo i nostri piccoli a capire come gestire i soldi

da , il

    Il valore del denaro e del risparmio spiegato ai bambini

    Il valore del denaro e del risparmio spiegato ai bambini, un argomento importante che va affrontato in modo intelligente anche in base alla loro età. Educare i più piccoli a capire cosa sono i soldi, da dove arrivano e come spenderli è prepararli al futuro rendendoli responsabili.

    I bambini ci chiedono in continuazione di comprare loro tutto e quando hanno qualche moneta fra le mani pensano basti loro per soddisfare qualsiasi desiderio. Già dall’età della scuola materna è però possibile aiutarli a capire il valore dei soldi e l’importanza che ha il risparmio per renderli più consapevoli.

    Ecco i consigli per insegnare loro a gestire correttamente il denaro:

    Bambini età scuola materna

    Quando i bambini sono troppo piccoli è difficile che capiscano il valore vero della paghetta settimanale, ma dai 3/4 anni è utile cominciare a spiegare loro il concetto del risparmio, del guadagno per un’attività fatta e del mettere via i soldi per un desiderio.

    Il modo migliore è spiegarlo come se fosse un racconto oppure giocando mettendo in scena un mercato o un negozio utilizzando prodotti e foglietti colorati, pasta cruda o fagioli secchi al posto dei soldi veri.

    L’obiettivo principale rimane far capire ai più piccoli che non si può avere tutto quello che si vuole, che i soldi non escono come per magia da un cassetto e che servono prima per i beni di prima necessità e poi per il resto.

    Dai 5/6 anni si può introdurre il concetto del risparmio legato anche al nostro modo di vivere spiegando l’importanza del non sprecare l’acqua che si utilizza in casa, di spegnere la luce quando non serve e di non buttare il cibo nella spazzatura con superficialità.

    Bambini età scuola primaria

    Una volta raggiunta l’età della scuola primaria si può introdurre la paghetta settimanale corrisposta in seguito ad attività di aiuto alla famiglia, un’azione che ha anche la valenza di aumentare l’autostima del bambino.

    Sarà premura del genitore spiegare che il compenso dovrà essere raccolto per soddisfare un vero desiderio e non sprecato per cose che non hanno un vero valore per il bambino. L’importante è che la paghetta sia data un giorno preciso della settimana e da rispettare sarà anche la cifra, che potrà variare per merito a seconda delle mansioni effettuate dal bambino.

    Ma attenzione: non va commesso l’errore di dare una ricompensa per ogni compito dato al bambino, perchè vanno distinte le mansioni extra dai normali doveri, come il tenere in ordine la cameretta o il fare i compiti.

    Bambini età scuola secondaria

    Dai 10/11 anni i bambini avranno la piena consapevolezza di come si guadagnano i soldi e i genitori possono aiutarli a capire quanto sia però anche facile sbagliare a gestirli.

    Oltre a guidare il proprio figlio nella scelta di quello per cui è sensato risparmiare e accumulare i soldi, i genitori possono aiutarlo a trovare le mansioni giuste per arrivare ad esaudire i propri desideri.

    E’ anche arrivato il momento di aprirgli un libretto di risparmio invitandolo a depositarvi una piccola parte della paghetta spiegandogli che quella parte servirà per i desideri del futuro e che anno dopo anno le piccole somme diventeranno sempre più grandi. A questa età il bambino è infatti abbastanza grande per comprendere l’importanza del risparmio, ed invitarlo a non spendere subito tutti i soldi che gli vengono regalati è un’esperienza educativa che porterà avanti anche in età adulta.

    Ragazzi età scuola superiore

    Arrivati all’età dell’adolescenza i ragazzi comprendono il valore del soldi e a questo punto diventa educativo suggerire loro di impegnarsi a fare dei lavoretti per i genitori o in casa come ad esempio tagliare l’erba in giardino, riordinare il garage o pulire il frigorifero per poter ricevere un compenso finalizzato all’acquisto di un desiderio. Questo farà in modo che comprendano il valore del denaro e l’importanza di impegnarsi per ottenerlo, limitando quindi anche le continue richieste di soldi e regali tipiche di quest’età.

    Libri per bambini sull’argomento

    Fra i vari libri per educare i figli se ne trovano alcuni anche per aiutare bambini e genitori a seguire questi argomenti:

    • La cicala e la formica Età di lettura: da 3 a 4 anni La storia della cicala che passa tutto il suo tempo a cantare mentre la formica al suo contrario lavora tutto il tempo per sopravvivere all’inverno è un racconto perfetto per spiegare ai bambini più piccoli che chi non fa nulla si ritrova con nulla.

      La cicala e la formica

    • Che cosa sono, come si usano, quanto valgono i nostri soldi Età di lettura: da 5 a 8 anni Un libro adatto anche ai bambini più piccoli che spiega cosa sono i soldi, a che cosa servono, la loro storia e anche tutto quello che gli gira introno ai giorni d’oggi, dalle banche a dove vanno a finire.

      Che cosa sono, come si usano, quanto valgono i nostri soldi

    • Le avventure di Piripeo e Piripao e la gallina dalle uova d’oro Età di lettura: da 6 anni La lettura di Le avventure di Piripeo e Piripao e la gallina dalle uova d’oro viene consigliata anche perchè aiuta i bambini a capire il valore del denaro, al perchè si deve risparmiare e spendere in modo consapevole.

      Le avventure di Piripeo e Piripao e la gallina dalle uova d'oro

    • L’economia e la finanza spiegate ai ragazzi Età di lettura: da 8 anni Un libro che spiega ai ragazzi il sistema economico con esempi sulle imprese, la società, lo Stato, le banche e la finanza.

      L'economia e la finanza spiegate ai ragazzi

    • Risparmio… un gioco per ragazzi Età di lettura: da 10 anni Un libro e un gioco sull’economia che spiega la storia del denaro, il baratto dall’antichità a oggi, la share economy, il denaro elettronico e le nuove monete.

      Risparmio... un gioco per ragazzi