Il tuo bambino va male a scuola? Ecco come comportarsi

da , il

    bambino va male a scuola pagella

    Oggi parleremo di un problema molto comune ma che preoccupa davvero tanto le mamme: cosa fare se il vostro bambino va male a scuola? In questo caso però non parliamo di ragazzini o adolescenti svogliati ma di bambini piccoli, ai loro primi anni di scuola, con i quali è meglio intervenire subito. Prima di tutto mai colpevolizzare il bambino: in un’età come quella delle elementari è difficile che il bambino sia semplicemente svogliato ma probabilmente si tratta di una serie di fattori che concorro a creare una situazione di disagio nel piccolo; il primo passo è quello di parlare con la maestra per cercare di capire i motivi dell’insuccesso.

    “Una brutta pagella è il segnale di un disagio che trova la sua manifestazione nello scarso rendimento scolastico” ha detto Sara Peruselli, psicologa specializzata dell’infanzia al sito Nostrofiglio.it.

    Secondo l’esperta, andare male a scuola è sintomo di un disagio che può avere svariate cause. Ricordate che per i bambini passare dalla scuola materna alle elementari può essere molto difficile: anche il metodo di studio infatti deve essere impostato fin dai primi tempi per evitare di causare problemi e difficoltà di apprendimento.

    Ma attenzione perché una brutta pagella e il rifiuto della scuola potrebbe essere la spia di qualcosa di più profondo: “La difficoltà di adattamento può anche nascondere un problema di autostima, di scarsa motivazione (per esempio nel caso di bambini che sanno già scrivere o leggere e che quindi a scuola si annoiano), difficoltà di motricità (non sanno tenere bene la penna in mano e provano un senso di frustrazione), relazionali (bambini timidi e inseriti in una classe molto numerosa e sconosciuta, magari senza nessun compagno della materna) o di contesto familiare” dice la psicologa.

    Anche gli eventi extra scolastici possono influire sul rendimento del bambino: il compito dei genitori in questo caso, prima di sgridare, sarà quello di cercare di capire la motivazione di questo insuccesso e valutare, anche con degli esperti, i metodi di intervento.