Il Fondo Nuovi Nati sarà rinnovato fino al 2014

da , il

    Fondo nuovi Nati

    Ottime notizie per i neo e futuri genitori: il Fondo Nuovi Nati verrà prorogato fino al 2014, consentendo in questo modo a tutte le famiglie in cui sia previsto l’arrivo di un bimbo, anche adottato, di accedere al prestito. Come annunciato dal Dipartimento per le Politiche familiari con un comunicato del 23 maggio scorso, infatti, il prestito bancario agevolato che permette alle coppie che abbiano avuto un figlio, naturale o in adozione, di richiedere fino a 5mila euro a tasso ribassato alle banche convenzionate, sarà rinnovato per altri tre anni. Nel frattempo, per quanto riguarda la scadenza del 2012, che è naturalmente riservata a chi sia diventato genitore nel 2011, essa è fissata per il 30 giugno, perciò chi sia interessato deve affrettarsi a fare la sua richiesta. Ma vediamo meglio cos’è il Fondo Nuovi Nati.

    Fondo Nuovi Nati, cos’è

    Il Fondo Nuovi Nati è un’iniziativa dell’ex Governo attivata nel 2009, grazie alla collaborazione tra il Dipartimento per le Politiche della Famiglia e l’Abi (Associazione bancaria italiana). Viene offerta la possibilità di richiedere un prestito a tasso super agevolato per un importo massimo pari a 5mila Euro per figlio, da restituire alla banca entro 5 anni. Si tratta di un finanziamento interessante, perché per venire incontro alle esigenze dei neogenitori, le banche aderenti al Fondo si impegnano a imporre un tasso globale fisso (Taeg), non superiore al 50% del Tasso effettivo Globale Medio (Tegm) in vigore al momento in cui viene fatta la richiesta. Al Fondo Nuovi Nati si sono rivolti già moltissimi neo genitori negli anni 2009-10-11, e certamente molti altri lo faranno da qui al 2014. Vediamo come attivare il prestito.

    Fondo Nuovi Nati, come attivare il prestito

    Se si vuole accedere al Fondo Nuovi Nati, perché si è diventati genitori di recente di un figlio proprio o avuto tramite adozione, è innanzi tutto necessario consultare l’elenco delle banche aderenti al progetto, e controllare anche quelle che offrono il tasso agevolato più basso. E’ possibile farlo sul sito ufficiale www.fondonuovinati.it. Dopodiché la mamma o il papà si recheranno nell’Istituto di Credito scelto per compilare la domanda entro e non oltre il 30 giugno dell’anno successivo a quello di nascita o di adozione del proprio bambino.

    Sarà la banca stessa a fornire l’apposito modulo, in cui il richiedente dovrà segnalare le proprie generalità, quelle del bimbo, e specificare la propria patria potestà sul minore, e se questa fosse condivisa, allora si dovranno inserire anche i dati dell’altro tutore ma specificando, ovviamente, che il prestito si richiede per un solo soggetto. Altra cosa molto importante, se il bimbo è affetto da qualche handicap o da una malattia rara, bisogna segnalarlo allegando un certificato sanitario, perché in questo caso il tasso di interesse imposto dalla banca si ridurrebbe ulteriormente. Il prestito viene erogato subito, e può essere successivamente estinto in un’unica soluzione o ratealmente, secondo quanto concordato con la banca.