Igiene in gravidanza: 3 regole utili

3 regole utili di igiene in gravidanza: dall'igiene intima a quella da riservare a bocca e denti, meglio non sottovalutare l'importanza delle norme di pulizia quotidiana soprattutto durante la gravidanza per tenere a debita distanza infezioni e possibili rischi.

da , il

    Igiene in gravidanza, un binomio che per molte future mamme potrebbe sembrare scontato, ma sui cui poche di loro danno davvero tutto. Perché se l’igiene personale, da quella intima a quella orale, per le donne come per gli uomini è un aspetto fondamentale della vita quotidiana, con o senza pancione, durante la gravidanza merita ancora più attenzione. Ecco 3 regole utili.

    1. L’igiene intima è fondamentale

    La gravidanza è un periodo di forti stravolgimenti per il corpo femminile, causati in larga parte dagli ormoni, gli estrogeni, che aumentano. E, insieme a loro, aumentano anche le

    secrezioni vaginali, che implicano un possibile incremento del rischio di proliferazione di germi e batteri, responsabili di infezioni all’apparato urogenitale. Per tenere alla larga irritazioni, infezioni, arrossamenti e fastidi, meglio curare con attenzione la propria igiene intima. Allo scopo, l’ideale è lavarsi regolarmente, almeno una o due volte ogni giorno, utilizzando acqua tiepida e sapone dal ph piuttosto basso, circa 3,5, per riequilibrare l’acidità della mucosa vaginale.

    2. Una doccia al giorno

    Leva il medico di torno, ma soprattutto tiene a debita distanza, oltre ai cattivi odori, anche batteri, microrganismi e irritazioni potenzialmente fastidiose. Perché se è risaputo che lavarsi quotidianamente è buona norma igienica valida in tutti i periodi della vita e senza distinzione di sesso, è altrettanto vero che durante i nove mesi è ancora più importante. Infatti, la sudorazione della futura mamma, complice il lavoro extra svolto dalle ghiandole sudoripare collocate sotto le ascelle, all’altezza dell’inguine e sotto il seno, aumenta durante la dolce attesa, quindi una doccia o un bagno ogni giorno, è fondamentale. Due soli accorgimenti: la temperatura dell’acqua non dovrebbe essere troppo alta, attorno ai 30-35°C, e il tempo di “ammollo”, se si opta per il bagno nella vasca, non dovrebbe essere troppo lungo, massimo dieci minuti circa.

    3. Attenzione all’igiene orale

    Troppo spesso sottovalutata o lasciata in secondo piano, anche l’igiene orale durante la gestazione merita la giusta dose di attenzione e considerazione. Curarla al meglio è fondamentale, per contrastare pericolose proliferazioni di germi e batteri all’interno della bocca, che rischiano di compromettere la salute dei denti. Le alte concentrazioni di ormoni estroprogestinici nel sangue durante la gestazione agiscono sulla mucosa uterina, ma anche su quella del cavo orale, rendendo le gengive molto più sensibili. Proprio per questo motivo, complice anche il rischio di gengivite gravidica, un’infiammazione delle gengive che può comparire durante la gravidanza, meglio armarsi di dentifricio, spazzolino e filo interdentale, per una pulizia accurata del cavo orale, almeno tre volte ogni giorno, dopo ogni pasto o spuntino.

    Dolcetto o scherzetto?