Giochi educativi per bambini con le parole

da , il

    giochi educativi con le parole

    Giochi educativi per bambini con le parole. Dai grandi classici, che gli adulti di oggi ricordano con tenerezza come protagonisti dei viaggi in auto della loro infanzia, fino a quelli più moderni. Da quelli che si fanno utilizzando semplicemente la voce a quelli per cui basta aggiungere carta e penna fino ai giochi educativi a colpi di parole, suoni, sillabe e lettere un po’ più articolati c’è davvero solo l’imbarazzo della scelta.

    Giochi da fare a voce

    La lista dei giochi da fare in famiglia, ma anche con gli amici, con l’aiuto di mamma e papà o anche solo con i coetanei, perfetti per aiutare i bambini a prendere maggiore confidenza con la lingua italiana, a scoprire nuove parole, a sviluppare la loro capacità di linguaggio e a interiorizzare nuovi suoni è davvero lunga.

    C’è, per esempio, il gioco dei sinonimi e dei contrari, in cui un partecipante dice una parola e gli altri, vince il primo che si prenota e ha la risposta esatta, devono indovinarne almeno un sinonimo e un contrario. C’è il gioco dello spelling o della sillabazione, che vede ogni bambino impegnato a scandire le lettere o le sillabe che compongono una parola. C’è anche quello delle parole da inventare a catena: una persona dice una parola e quella dopo deve inventarne un’altra utilizzando la sua ultima sillaba, come in una sorta di catena, che si interrompe, escludendo dal gioco il malcapitato, quando qualcuno non riesce più a trovare la parola per continuare.

    Si possono poi creare dei giochi di parole associando, per esempio gruppi di cose ad alcune particolari caratteristiche. Si può chiedere ai partecipanti, per esempio, di trovare tutti i frutti di colore rosso o tutte le principesse delle favole che abbiano il nome che comincia per una particolare consonante.

    Giochi con carta e penna

    Giusto per non cercare tra le centinaia di proposte digitali e per riassaporare anche il gusto di giocare con la voce, carta e penna, esistono molti giochi educativi che hanno come protagoniste le parole e che affondano le loro radici nell’infanzia dei genitori di oggi o, forse, ancora prima.

    L’impiccato, nonostante la definizione infelice, è uno stratagemma divertente sia per intrattenere i bambini, sia per spingerli a ragionare, a incuriosirsi e a imparare parole nuove. Basta che ogni concorrente, a turno, scelga una parola e ne scriva solo la lettera iniziale e finale, specificandone la lunghezza. Ogni concorrente può provare a indovinare le consonanti o le vocali mancanti e, poi, trovare la parola, ma ogni errore può costare caro, cioè va a comporre il disegno dell’impiccato, che una volta concluso, decreta la vittoria o la sconfitta degli interessati.

    SCOPRI TANTI GIOCHI FAI DA TE PER BAMBINI