Giochi da fare in famiglia a Natale

da , il

    natale famiglia 680x365

    Giochi da fare in famiglia a Natale, per trascorrere il tempo con i parenti in modo allegro e divertente, per condividere, anche con i più piccoli, qualche momento di gioia e sana competizione, preferibilmente a squadre. Ecco qualche idea, qualche spunto per trovare il gioco perfetto per le festività natalizie in famiglia.

    I grandi classici

    I grandi classici non tramontano mai e nemmeno stancano troppo. A Natale, i giochi tradizionali da non perdere sono sicuramente tutti quelli che prevedono l’utilizzo delle carte, dalla briscola alla canasta, da burraco a scala quaranta. Ma anche i giochi in scatola che non passano mai di moda, come il Monopoli, che da Viale dei Giardini a Parco della Vittoria promette sessioni di divertimento formato famiglia a suon di case e alberghi, pedaggi e guadagni facili, o la tombola, che, in alternativa si può anche realizzare da soli con un po’ di creatività e fai da te.

    Disegna e indovina

    Sulla falsa riga di un popolarissimo gioco in scatola, gli appassionati di disegno e arte, con un minimo di predisposizione ma non necessariamente maghi della matita del pennello, possono dilettarsi in un gioco all’ultimo disegno. Basta disegnare un soggetto, seguendo alcune regole, cioè evitando ogni parola o lettera, così come riferimenti espliciti allo stesso, e attendere che gli altri, cioè i propri compagni di squadra, indovinino di cosa si tratta.

    L’impiccato versione maxi

    Un grande classico, il gioco dell’impiccato. Un grande classico soprattutto tra i giochi da fare in inverno che, se si utilizza una lavagna o un foglio da disegno appoggiato su un cavalletto, può trasformarsi in un passatempo divertente e in una competizione a squadre perfetta per occupare il pomeriggio di Natale sfidandosi all’ultima parola da indovinare e sperando di non finire “impiccati”.

    Divertirsi con le parole

    Tutta questione di parole, di conoscenza della lingua italiana e, forse, anche di un po’ di creatività: il gioco della parole si basa sull’utilizzo di uno strumento semplice, di un unico supporto fondamentale, il dizionario. Ci si divide in due squadre e si designa una persona che non farà parte di nessuna delle due formazioni, ma fungerà da arbitro imparziale e super partes. A quest’ultimo spetterà il compito di sfogliare e aprire il dizionario estrapolando, in modo completamente casuale, una parola. Parola che verrà comunicata ad alta voce e che le squadre, prenotandosi per avere la precedenza nella risposta, dovranno spiegare, dicendone il significato esatto. Com’è facilmente intuibile, chi indovina più parole vince.