Fumo in gravidanza: multa alle donne che accendono la sigaretta

da , il

    La scioccante verità sul fumo

    Sappiamo bene quanto faccia male il fumo in gravidanza: ora Claudio Giorlandino, ginecologo e presidente della Società italiana di diagnosi prenatale e medicina materno fetale (Sidip) lancia un appello che di sicuro farà molto discutere. Chiede infatti di multare le donne incinta che accendono la sigaretta. Motivo? “Multiamo le donne che fumano durante la gravidanza. Il feto è un non fumatore e, come prevede la legge, va tutelato» precisa il ginecologo. Cosa ne pensate di questa proposta?

    «Nonostante sia ormai noto a tutti quali e quanti danni il fumo può provocare al feto moltissime donne continuano a fumare durante la gravidanza, senza avere alcuna considerazione e rispetto per il bambino che sta crescendo dentro di loro. La legge attualmente in vigore non vieta il fumo, in realtà, ma vieta di fumare nei luoghi pubblici, a tutela di chi non è fumatore. Essendo il feto non fumatore, a sua tutela, esattamente come previsto dalla legge, andrebbe multata anche la mamma in attesa che sta fumando anche fuori dai locali pubblici» sottolinea l’esperto.

    Un comportamento molto pericoloso per i bambino. La proposta di Claudio Giorlandino in effetti non fa una piega perché come spiega lui stesso: . «Non dimentichiamo che la legge stessa prevede la pena raddoppiata per coloro che fumano in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza».

    La sigaretta insomma è molto pericolosa perché contiene sostanze quali la nicotina e il monossido di carbonio: «Queste sostanze alterano la circolazione utero-placentare ciò vuol dire che fumando si riduce la quantità di ossigeno e di sostanze nutrienti che dovrebbero arrivare al feto tramite la placenta. La futura mamma dovrebbe smettere di fumare o comunque diminuire il fumo ancora prima di cercare di rimanere incinta: in questo modo si avrà un percorso di gravidanza migliore e si eviteranno molteplici rischi» sottolinea Giorlandino.

    I rischi del fumo sono orami ben noti a tutti: riduce la crescita fetale, con conseguenze pericolose per il bambino.