NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Fratello prepotente: cosa fare quando uno dei figli si comporta da bullo

Fratello prepotente: cosa fare quando uno dei figli si comporta da bullo

Anche tra membri dello stesso nucleo familiare si può parlare di bullismo vero e proprio

da in Adolescenti, Fratelli
Ultimo aggiornamento:
    Fratello prepotente: cosa fare quando uno dei figli si comporta da bullo

    Avete notato che un fratello è particolarmente prepotente con l’altro e vi sembra che si comporti da bullo? Sono molti i genitori che si chiedono cosa fare in presenza di bullismo tra le mura di casa. Non stiamo parlando di normali litigi, ma di bambini prepotenti e molestatori nei confronti del loro stesso fratello o della sorella.

    Fra fratelli e sorelle è assolutamente normale trovarsi difronte a litigi e battibecchi, soprattutto tra le mura domestiche, ma quando questi degenerano in tentativi di sottomissione continui da parte di uno di essi, un genitore deve prendere coscienza che potrebbe essere davanti ad un problema di bullismo, spesso generato per colpa della gelosia.
    Una situazione di bullismo tra fratelli può iniziare fin da bambini e proseguire fino ad adolescenza inoltrata, e generalmente il ruolo del bullo è quello del fratello maggiore, e il ruolo della vittima è del fratello più timido e buono.
    Questa condizione è stato messa in luce dalla rivista Pediatrics che ha pubblicato uno studio condotto su 3500 bambini e adolescenti svolto dall’Università del New Hampshire. La dottoressa Corrina Jenkins Tucker ha evidenziato come i normali litigi in molti casi si trasformano in situazioni di bullismo costanti tanto da rendere difficile la quotidianità tanto quanto il bullismo classico da parte di una persona al di fuori del proprio nucleo famigliare.

    Il fratello bullo compie atti che sono delle vere e proprie aggressioni sia fisiche che psicologiche.

    A livello fisico non risparmierà schiaffi, calci e spintoni, sottrazione e danneggiamenti di oggetti personali, ma anche prese in giro, messa in ridicolo e dispetti con cui sottomettere il fratello vittima.

    Il fratello vittima avrà un comportamento che generalmente comprende comportamenti quali:

    • difficoltà nel rimanere da solo con il fratello bullo
    • difficoltà a dormire in camera con il fratello bullo, insonnia, richiesta di dormire con i genitori
    • difficoltà a scuola con calo del rendimento
    • chiusura in se stesso, evidente stress, crisi di pianto o di nervosismo, atti di violenza

    Quando i genitori diventano consapevoli che si è creata una situazione di bullismo fra i figli è importante biasimare quello che ha assunto il ruolo di bullo, schierandosi e fornendo appoggio al figlio vittima. Il modo per affrontare la situazione non deve però essere quella di condannare il figlio bullo, ma bensì il suo atteggiamento, rimproverando quello che fa e non quello che è.
    Risolvere il problema di bullismo in casa è tra l’altro importante perchè il fratello vittima da parte di un fratello diventerà fragile anche nel sociale al di fuori dalle mura domestiche.
    Un genitore non deve poi partire dal concetto che il fratello bullo può essere solo un maschio, perchè negli ultimi anni il fenomeno del bullismo femminile è in crescita, con un 10% di denunce in più verso il sesso rosa.

    582

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiFratelli
    PIÙ POPOLARI