Film per genitori: quali sono i migliori [FOTO]

da , il

    Film per genitori, quali sono i migliori? Nulla come un buon film è in grado di emozionarci, commuoverci, entusiasmarci e perché no, consigliarci. Le pellicole più belle incentrate sul rapporto genitori-figli sono autentiche perle di saggezza, vale davvero la pena concedersi qualche ora davanti al piccolo schermo per guardarle e trarne preziosi insegnamenti. Ecco quelle che a nostro parere meritano almeno un’occhiata.

    La prima cosa bella, Paolo Virzì

    a-prima-cosa-bella-di-Paolo-Virzì

    Una commedia drammatica di Paolo Virzì, uno dei vincitori del David di Donatello 2014, incentrata sul rapporto controverso e mai risolto di una mamma troppo eccentrica e un figlio imbarazzato da tanta esuberanza, che trova rifugio nella fuga.

    Genitori e figli: agitare bene prima dell’uso, Giovanni Veronesi

    Genitori-e-figli-agitare-bene-prima-dell'-uso

    Una pellicola che indaga il rapporto con i figli adolescenti in quella fase della nostra e della loro vita così complessa e aggrovigliata. Uno spaccato tragicomico sulle dinamiche di questo rapporto irto di difficoltà tra interminabili discussioni, desideri di evasione, scontri generazionali, che trae spunto dalla realtà. Per la realizzazione del film il regista ha infatti intervistato alcuni studenti liceali del Nord e Sud Italia mettendo a confronto i loro diversi comportamenti.

    Pleasantville, Gary Ross

    Pleasantville

    Esiste la famiglia ideale? Quella in cui tutto fila talmente liscio da procurare un sottile imbarazzo, con madri alla Mulino Bianco intente a sfornare h24 biscotti e torte prelibate, padri allegri e incoraggianti, figli bellissimi, bravissimi e sempre sorridenti. Un quadretto familiare troppo perfetto per essere vero che dietro la facciata perbene cela un’anima inquieta, disposta a tutto pur di ribellarsi e tornare ad essere se stessa. E quando ciò accade… sono guai!

    Gli equilibristi, Ivano de Matteo

    gli-equilibristi

    La storia vera di un uomo separato, padre di due figli costretto a campare alla bell’e meglio con uno stipendio minimo, da cui sottrarre spese di affitto, bollette, alimenti, rate dell’auto. La pellicola, presentata al Festival di Venezia, è un fedele spaccato della cruda realtà contemporanea che vede sempre più padri alla deriva dopo il divorzio.

    SCOPRI I MIGLIORI FILM PER RAGAZZI E BAMBINI