Filastrocche di Carnevale, il girotondo delle mascherine

da , il

    girotondo maschere

    Eccoci di nuovo con qualche bella filastrocca: ormai il Carnevale è vicino e bisogna fare in fretta per memorizzare una bella filastrocca: è vero che non c’è bisogno di impararle a memoria, sono divertenti anche da leggere, oltre a essere molto istruttive. Queste canzoncine, infatti, sono ricche di concetti e sono un ottimo modo per imparare. Lo abbiamo detto anche in passato, parlando di quelle dedicate alle regole grammaticali o matematiche che si usano qualche anno fa a scuola.

    Gitotondo delle mascherine

    Girotondo, girotondo,

    noi giriamo tutto il mondo.

    C’è Gianduia e Meneghino,

    Pulcinella e Arlecchino.

    C’è Brighella e Pantalone,

    Meo Patacca e Balanzone,

    Beppe Nappa siciliano,

    Stenterello che è toscano…

    Girotondo, girotondo,

    noi viaggiam per tutto il mondo,

    e con noi portiam la gioia

    che è nemica della noia

    Febbraio pazzerello

    Il febbraio pazzerello

    ci ha portato il Carnevale

    a caval d’un asinello

    e con seguito regale:

    Pantalone e Pulcinella

    e Rosaura e Colombina

    Balanzone con Brighella

    e Pieretta piccolina.

    A braccetto con Gioppino

    che dimena un gran bastone,

    van Gianduia e Meneghino

    sempre pronti a far questione.

    Arlecchin chiude la schiera

    che, fra canti, balli e lazzi

    lieta va da mane a sera

    Ovviamente le filastrocche sono davvero tante e se avete voglia di leggerne altre, come le bellissime di Gianni Rodari, non dovete far altro che dare una sbirciatina nelle nostre pagine.