Esami in gravidanza: un prelievo del sangue svela il sesso del bambino

da , il

    esame sangue gravidanza bebe

    Sono tanti gli esami da eseguire in gravidanza e alcuni sono davvero poco piacevoli. L’ecografia non è dolorosa e non è neanche invasiva, ma non è detto che attraverso l’ecografo si riesca con facilità a conoscere il sesso del bambino. Se siete molto curiosi e non potete attendere che il bambino si giri dalla parte giusta, potreste presto affidarvi a un semplice prelievo del sangue. È un po’ che se ne parla, ma ora è quasi realtà.

    Lo dimostrano i risultati della ricerca del Dipartimento di ostetricia e ginecologia al Cheil General Hospital e dal Women’s Healthcare Center della scuola di medicina dell’università di KwanDong a Seul: un esame del sangue potrebbe svelare il sesso del nascituro già dal primo trimestre.

    I ricercatori hanno scoperto che vari rapporti fra due enzimi (DYS14/GAPDH), estratti dal sangue di una donna incinta, indicano se il feto sarà un bel maschietto o una bella bambina. “La presenza di Dna fetale circolante è stata confermata. La multipla reazione a catena della polimerasi è stata usata per quantificare simultaneamente la quantità dei due enzimi DYS14 e GAPDH nel plasma materno e arrivare a determinare il sesso del bebè”, spiegano gli scienziati.

    Come abbiamo detto prima, per sapere il sesso del piccolo oggi si usa l’ecografia, ma bisogna attendere il secondo trimestre per la formazione dei genitali esterni e che il bimbo sia girato nella posizione giusta, oppure ci sono il prelievo dei villi coriali e l’amniocentesi, che però possono esporre la mamma al rischio di aborto.