Echinacea per bambini: utilizzi, dosi e controindicazioni

da , il

    Echinacea

    Echinacea per bambini? Meglio cercare di fare chiarezza sulle proprietà, i possibili utilizzi, le dosi consigliate e le controindicazioni di questo fitofarmaco dalle mille virtù. Molti benefici, ma anche alcune cautele d’obbligo, quando si tratta di consigliare, prescrivere e somministrare l’echinacea ai più piccoli.

    L’echinacea, di cosa si tratta

    Una delle piante medicinali più conosciute, grazie alle sue proprietà curative particolarmente efficaci, l’echinacea è la miglior alleata fitoterapica per stimolare a dovere le difese naturali dell’organismo. Appartenente alla famiglia delle Asteracee, con le foglie allungate e strette, può presentarsi in diverse versioni, come l’echinacea purpurea, l’echinacea pallida e l’echinacea angustifolia.

    Gli utilizzi

    Se i primi a scoprire e sfruttarne le proprietà curative, soprattutto per il trattamento di lesioni cutanee e morsi di animali, furono gli indiani americani, oggi l’echinacea è largamente diffusa. In particolare se ne apprezzano le proprietà immunostimolanti, antivirali, antinfiammatorie, antibatteriche, cicatrizzanti e antitossiche.

    Ottima, per esempio, in caso di stati influenzali o malattie da raffreddamento, sinusiti o problemi respiratori, ma anche per curare piccole lesioni e irritazioni cutanee, punture di insetto o infiammazioni della pelle. L’azione immunostimolante dell’echinacea merita un po’ di attenzione: questa pianta è in grado di stimolare le difese immunitarie dell’organismo, favorendo l’aumento del numero e dell’attività delle cellule del sistema immunitario.

    Le dosi e le controindicazioni

    Si può assumere sotto forma di tintura madre o soluzione alcolica, ma anche di estratto secco per curare sia i malanni stagionali, dal raffreddore alla tosse fino al mal di gola, sia le lesioni cutanee.

    In particolare, per quanto riguarda dosi e controindicazioni nei più piccoli, il consiglio è di evitare la somministrazione ai bambini nella prima infanzia, così come alle mamme durante l’allattamento o alle donne in dolce attesa, se non dietro precisa prescrizione medica. Solitamente nei bambini di età superiore ai 12 anni, si somministrano 8 mg di estratto secco di echinacea per kg di peso corporeo, in caso di influenza e malanni da raffreddamento. I possibili effetti indesiderati per i bimbi sono la comparsa di allergie o di reazioni allergiche. Inoltre, considerati i possibili effetti epatotossici, non andrebbe assunta l’echinacea in associazione ad altri farmaci come il paracetamolo.