Diritto al cesareo per le donne inglesi senza ragione medica

da , il

    diritto parto indottto

    Si parla spesso di cesareo in Italia, perché il nostro Paese utilizza questa tecnica in maniera esagerata, abbiamo superato gli standard europei. È una pratica molto costosa, se non necessaria, e spesso ci si dimentica che è un vero e proprio intervento chirurgico con tutti i suoi pro, ma anche i suoi contro. Le donne però sono convinte che sia una passeggiata, rispetto al parto naturale, e di soffrire meno. Pensate un po’ che in Inghilterra, invece, le donne potranno scegliere se partorire con cesareo o naturalmente, senza una ragione medica. Questa è una novità assoluta, che potrebbe però pesare molto sulle tasche.

    Questa novità è quanto prevedono le nuove linee guida allo studio del Nice e devo dire che davvero lascia a bocca aperta, tenendo conto che il parto naturale non è la soluzione più spontanea, ma anche di fondamentale importanza per la salute del bambino.

    Stando a quanto emerge dalle linee guida del National Institute for Health and Clinical Excellence (Nice) ogni donna potrà esercitare il diritto al cesareo nell’ospedale, dove è ricoverata e anche se il medico e l’ostetrica sostengono che non ci siano ragioni mediche per evitare il parto naturale. Direi che è l’opposto di quello che sta succedendo da noi.

    Come sempre, è nata una polemica, perché non tutti si sono detti favorevoli, almeno secondo quanto riporta il Telegraph. Il cesareo costa caro (800 sterline in più di quello naturale) e la domanda ora è una: chi deve pagare? La sanità pubblica piange miseria e non può farsi carico di questa spesa.