Dire no ai figli: consigli per riuscirci

Far rispettare regole e limiti ai bambini è importante, ecco allora alcuni consigli utili per imparare a dire no ai nostri figli.

da , il

    Dire no ai figli è spiacevole ma a volte necessario, purché lo si faccia con buonsenso. L’educazione, d’altronde, prevede limiti e regole e i “no” aiutano a farli rispettare. L’importante è negare, o concedere, in base a una scelta educativa ben ponderata. Sì e no non devono essere semplici reazioni volte ad accontentare o punire passivamente i bambini. E per chi non sapesse proprio dire no, ecco alcuni consigli per riuscirci.

    Porre limiti evitando atteggiamenti repressivi

    I limiti sono importanti perché il bambino impari a rispettare le regole e di conseguenza le persone che gli vivono intorno. Ovviamente non è necessario imporli con atteggiamenti minacciosi o repressivi, ma adottare piuttosto un comportamento severo.

    SCOPRI COME GESTIRE I BAMBINI AGGRESSIVI

    Spiegare il perché

    Se il bambino è abbastanza grande per comprenderlo, è importante spiegare il perché dei nostri no, coinvolgendolo attivamente anziché relegarlo al ruolo di vittima inconsapevole.

    Saper negoziare

    I no non devono essere insindacabili perché un atteggiamento eccessivamente autoritario non fa altro che generare desiderio di ribellione. Devono invece lasciare spazio ad eventuali negoziazioni, se ne vale la pena.

    Avere le idee chiare

    Dire no tanto per dire è assolutamente inutile. Meglio tacere in questi casi. Il bambino si accorge che non c’è interesse reale e continuerà a fare esattamente come prima.

    Il no deve essere condiviso da entrambi i genitori

    Se uno dei due genitori la pensa diversamente e mostra la propria disapprovazione di fronte al figlio, il no non ha alcun valore. Il bambino, in questi casi, si farà delle idee confuse e la regola perderà di valore.

    Concedere eccezioni

    Anche se il no, qualora sia sensato ed educativo, va pronunciato con fermezza, è possibile concedere eccezioni alla regola qualora il bambino si meriti davvero una premiazione.

    SCOPRI PERCHE’ LE SGRIDATE AI BAMBINI SERVONO PURCHE’ NON VIOLENTE

    Dolcetto o scherzetto?