Coopi, la Ong dalla parte dei bambini [VIDEO]

da , il

    La Festa della Mamma è appena trascorsa, ma la mamma bisogna festeggiarla tutti i giorni. E forse il modo migliore per onorare debitamente questa dolcissima ricorrenza, ma anche ogni giorno della sua vita, è quello di fare della beneficenza, per aiutare tutte le mamme del mondo.

    Coopi, la Ong che aiuta i bambini

    Sono tantissime, nel mondo, le famiglie in difficoltà, le mamme e i bambini che combattono giornalmente contro la fame, contro le malattie, contro la sofferenza e il disagio dati dalla povertà. Quella povertà che noi facciamo fatica ad immaginare, perché è lontana anni luce da quelle che per noi sono privazioni. Pensate a persone che devono sopravvivere con pochi dollari al mese, che ogni giorno si alzano al mattino pensando solo a come riuscire a sopravvivere, figuriamoci ipotizzare un futuro! A tutte queste situazioni dedicate un pensiero e un’azione aiutando Coopi, una Ong umanitaria, laica e indipendente che dal 1965 si occupa proprio di aiutare le persone in condizione di disagio e povertà specialmente se bambini, che non hanno di che vivere, o i cui diritti vengono violati costantemente. La Coopi venne fondata nell’ormai lontano 1965 da Padre Vincenzo Barbieri, soprannominato ”l’uomo col megafono”, con lo scopo di mettere in atto progetti concreti per dare una mano ai bambini poveri a crearsi un futuro degno. Iniziando dal cibo e dalla sanità, fino alla formazione scolastica e professionale. Tutti possiamo contribuire, grazie al sostegno e all’adozione a distanza, progetti ambiziosi che hanno offerto la possibilità di aspirare ad una vita migliore a più di 80 milioni di persone (soprattutto minori) in questi 45 anni di attività. Attualmente sono 25 le iniziative da supportare con il nostro contributo. Ma vediamo perché offrire il nostro aiuto proprio a Coopi, e perché ci si può fidare.

    Aiuta Coopi, la Ong “trasaparente”

    Coopi è una Ong che aiuta concretamente adulti e bambini a risollevarsi da una condizione di sofferenza, povertà e malattia, e lo fa in modo assolutamente trasparente, basandosi su alcuni punti che ci garantiscono sulla destinazione di ogni contributo. Essi sono:

    • La formazione dei partner locali, che Coopi segue assicurandosi che il sostegno a distanza venga gestito nel modo migliore in ogni singolo progetto
    • Un’attenzione speciale ai beneficiari dell’aiuto, che vengono selezionati in base alle loro condizioni di partenza (di particolare povertà e disagio), ma anche seguiti nel tempo. In questo modo il sostegno a distanza si modula in base al variare delle situazioni
    • Una gestione dei fondi che prevede che l’80% delle donazioni vadano effettivamente a beneficio dei bambini da aiutare. Il beneficiario viene inoltre informato passo passo sulla destinazione dei suoi aiuti.
    • Infine un punto essenziale: la trasparenza. Nessuna opacità sul bilancio della Ong, tutto è pubblico e certificato, ogni voce, ogni spesa, ogni progetto.

    Dona 12 Euro per contribuire all’acquisto di un kit scolastico di un anno per un bimbo, oppure con donazioni superiori: 36 o 72 Euro per garantire il kit rispettivamente ad un solo piccolo per 3 anni, o a 2 per 3 anni. Il tutto semplicemente andando a cliccare sul sito web di riferimento, alla sezione “appelli speciali per i bambini”. Potrete avere anche una bella lettera di auguri personalizzati, e di ringraziamenti, oltre alle informazioni relative alle attività di Coopi, contattando l’ufficio “sostegno a distanza” e chiedendo della dott.ssa Luisa Colzani (tel. 02 3085057, e-mail , colzani@coopi.org). E non è finita qui, per entrare nel mondo di Coopi, potete usare anche il social network più visitato del globo come strumento, grazie a questa app che troverete su Fb, tutta da scoprire…