Con la fecondazione assistita diventa mamma anche se un tumore al seno l’aveva resa sterile

da , il

    Mamma grazie a fecondazione assistita dopo tumore seno

    E’ diventata mamma di due gemelle grazie alla fecondazione assistita, nonostante le terapie a cui si era dovuta sottoporre per curare un tumore al seno l’avessero resa sterile. E’ la bella storia di una 39enne di Reggio Emilia, che ha potuto coronare il suo sogno di maternità (è la prima volta che accade in Italia) sconfiggendo la sterilità conseguente alla chemioterapia che le aveva permesso di guarire dal cancro. Una vittoria su tutti i fronti, che è stata resa possibile dalle tecniche di stimolazione ovarica a cui la donna si è sottoposta presso il Centro per la procreazione medicalmente assistita del Policlinico Sant’Orsola di Bologna.

    La dott.ssa responsabile del Centro, Eleonora Porcu, ha parlato del caso nel corso della 27ma edizione del Convegno di Medicina della Riproduzione di Abano Terme. “La paziente, anni addietro, era stata colpita da una forma di neoplasia mammaria ormono-dipendente; sottoposta a cure chemioterapiche e dagli oncologi dichiarata guarita, ha espresso il desiderio di diventare madre. Dopo due anni di tentativi falliti per via naturale, la signora si è rivolta la nostro Centro per la Pma”, ha spiegato la Porcu.

    “Finora – ha proseguito la dott.ssa – la stimolazione ovarica in pazienti che hanno superato il cancro ormono-dipendente non era mai stata fatta per il rischio di stimolare una recidiva della patologia. Dopo un attento consulto con l’oncologo e in tutta sicurezza, abbiamo proceduto utilizzando un protocollo che prevede l’impiego di letrozolo, della famiglia degli inibitori dell’aromatasi, che mantiene bassa la crescita degli estrogeni.

    La donna ha risposto bene alla terapia, abbiamo quindi inseminato gli ovociti e trasferito due embrioni che si sono impiantati entrambi al primo tentativo”. Sia la mamma che le sue bimbe stanno benissimo, e davvero possiamo registrare con gioia questo ennesimo passo in avanti della medicina al femminile. Ormai diventare mamme anche dopo una malattia come il cancro è realtà, e non possiamo che esserne davvero felici.