Compiti delle vacanze: per mantenere l’esercizio bisogna leggere

da , il

    La lettura dei bambini è un esercizio molto importante, che spesso viene sottovalutato. Va invece tenuto molto in considerazione durante le vacanze. Per i piccoli infatti la pausa estiva può essere un elemento negativo e i ragazzi che non continuano a esercitarsi con lettere e parole arrivano a perdere, ogni estate, fino a 3 mesi di abilità acquisite sui banchi. Insomma per ogni mese di riposo, un mese di perdita. Davvero un grave svantaggio che butta a mare (ed è il caso di dirlo) la fatica dei mesi invernali. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori della University of Tennessee (Knoxville, Usa).

    Da questo studio emerge inoltre che i ragazzi che non abbandonano l’abitudine alla lettura appresa sui banchi di scuola non solo non perderebbero l’”allenamento“, ma riuscirebbero anzi a migliorare il loro livello di abilità, quantificabile in un mese di capacità in più.

    Quindi genitori è un invito a far leggere i vostri bambini. Magari nella pausa calda della giornata o prima andare a dormire. Questo piccola routine potrebbe davvero potenziare le abilità dei vostri piccoli, rendendoli ancora più bravi.

    Poi sono importanti anche i giochi, lo sport e distrazioni, ma senza abbandonare mai del tutto i libri. Le attività ludiche possono essere molto costruttive.

    Dolcetto o scherzetto?