Come proteggere i bambini dal sole: consigli pratici

da , il

    bambino al sole

    Come proteggere i bambini dal sole? Come evitare che i raggi solari abbiano effetti negativi sulla loro pelle, più delicata e sensibile di quella degli adulti? Ecco alcuni consigli pratici per affrontare le vacanze, al mare, al lago o in montagna, nel miglior modo possibile, prevenendo ogni possibile rischio connesso all’esposizione solare. Dalle creme protettive all’abbigliamento giusto, ogni piccola attenzione può davvero fare la differenza.

    Sole sì, ma non sempre

    Il sole non è un nemico. Anzi, se sfruttato con un po’ di intelligenza e furbizia può essere un vero alleato, un toccasana, per adulti e bambini, giovani e giovanissimi. La prima cautela d’obbligo, quando si tratta di piccoli al sole sono gli orari: meglio evitare le ore della giornata più calde, quando i raggi del sole sono perpendicolari, più intensi e potenti, cioè quelle comprese tra le undici di mattina e le quattro del pomeriggio. Sì al sole, che si tratti di spiaggia in riva al mare, al lago o di una distesa verde in montagna, ma meglio centellinarne i raggi nelle ore centrali della giornata, quindi.

    Le giuste protezioni

    I piccoli vanno protetti dai raggi Uv in diversi modi. La pelle merita la giusta dose di protezione a colpi di crema solare, da scegliere sì in base al fototipo, ma anche in base all’età del piccolo e che, comunque, nella prima infanzia non dovrebbe avere una fotoprotezione inferiore a 30. La crema dovrebbe essere spalmata con cura su ogni centimetro di pelle prima dell’esposizione e ogni due ore, così come dopo ogni bagno o contatto prolungato con l’acqua.

    Crema solare protettiva, quindi, ma non solo. I più piccoli possono essere protetti anche con magliette di cotone bianche, cappellini e occhiali da sole, per gli occhi, quando sono esposti alla luce diretta del sole. Come, quando, per esempio, giocano in riva al mare.

    Anche mentre si passeggia e i bimbi vengono scarrozzati in passeggini o carrozzine, meglio fare attenzione, per evitare scottature solari & co. Via libera, quindi, ai modelli completi di copertura e tettoie, che lo proteggano dai raggi diretti del sole.

    La protezione dai raggi del sole, così come dal caldo e dai possibili effetti collaterali che comporta, parte anche dall’interno. Allo scopo, meglio scegliere l’alimentazione giusta e assicurare ai bambini la giusta dose di idratazione. Via libera, quindi, a frutta e verdura, ma anche a tanta acqua, perché bere spesso (acqua, ma anche centrifugati e tè deteinati), soprattutto in estate è fondamentale, per gli adulti come per i più piccoli.