Come organizzare le vacanze dei figli di genitori separati

da , il

    vacanza genitori separati

    I genitori separati devono fare i conti con le vacanze con i figli. In linea di massima, in estate, i bambini passano qualche giorno con la mamma e poi con il papà. La prima cosa da fare è accordarsi affinché entrambi gli ex coniugi non vogliano andare via il 15 d’agosto. Normalmente, tra persone civili, si fa un anno per uno e si considera che il bimbo, terminata la scuola, ha davanti diversi mesi senza impegni. Non è facile e le scuole estive, gli oratori o i corsi di intrattenimento hanno costi elevati. Quindi come fare? Suddividersi il tempo in modo opportuno, pensando soprattutto al bene del piccolo.

    Scegliere la destinazione

    La scelta della destinazione è una cosa fondamentale. I bambini, da soli con mamma o papà, potrebbero anche annoiarsi. È molto importante, quindi, che si vada in un posto adatto a loro. Ci sono dei bellissimi family hotel, pieni di intrattenimenti mirati, oppure vanno bene anche i villaggi turistici, le crociere o semplicemente la prenotazione in luoghi di “massa”. La Riviera Romagnola o la Liguria, per esempio, sono piene di destinazioni per bimbi. Ricordiamo che questo consiglio è particolarmente importante per il genitore che passa poco tempo con il bambino durante l’anno. Può non essere semplice trovare un canale comunicativo e una propria dimensione: è quindi utile appoggiarsi a strutture organizzate, per favorire anche il rapporto.

    Il compagno del genitore

    Un altro problema è il nuovo partner del genitore. In questo caso ci sono tante variabili da considerare. Se la separazione è fresca e probabilmente questa è la prima vacanza senza la mamma e il papà insieme, è meglio che il nuovo coniuge stia a casa. Non vuole essere un consiglio discriminatorio, ma è importante che il piccolo si adegui a una situazione alla volta. Se invece il divorzio è consolidato, potreste favorire la conoscenza con il nuovo partner. Magari prendete due camere una per voi e il bambino e l’altra per il fidanzato. Non è una situazione intima, ma potrebbe favorire la conoscenza senza creare gelosie. La prossima vacanza avrete magari una stanza a tre. Un passo alla volta…

    Sacrificarsi per il bambino: in vacanza tutti insieme

    Le vacanze devono essere un momento di relax e di pausa, inoltre è anche un’ottima scusa per stare insieme e godere della compagnia reciproca. Non è una bella idea andare in vacanza tutti insieme se avete scelto la separazione per una serie di motivi diversi: prima di tutto si rischia di litigare e forse questa è l’unica cosa che non dovreste fare in vacanza, poi si potrebbe innescare una sorta di competizione tra i genitori. È meglio che gli ex coniugi gestiscano privatamente il rapporto con il figlio. Infine, c’è un ultimo pericolo. Il bambino potrebbe credere una riconciliazione. Se la situazione si presenta come civile, quasi migliore di quando eravate una coppia, potrebbe credere che avete fatto pace. Non è mai un bene illudere un bimbo.