Come farsi rispettare dai figli

da , il

    farsi-rispettare-dai-figli

    Come farsi rispettare dai figli, magari esistesse una formula universale per riuscirci! Purtroppo crisi, scenate isteriche, capricci sono molto diffusi, ma spesso sottovalutati. Gli esperti in materia sostengono infatti che l’autorità genitoriale abbia un ruolo di primo piano nell’educazione dei figli, metterla eccessivamente in discussione può rivelarsi controproducente per ambo le parti. Ciò non significa ovviamente rivalutare obsoleti metodi educativi a base di sculacciate, ma semplicemente ridefinire i ruoli. Scopriamo quindi come farsi rispettare dai bambini piccoli e grandi!

    Come farsi rispettare dai bambini

    Purtroppo non esistono formule magiche in grado di risolvere la questione, ma i consigli degli esperti possono certamente tornare utili per imparare a educare i bambini e farsi rispettare. Anzitutto bisogna considerare l’importanza delle regole: i bambini devono imparare a rispettarle, comprendendo che non si tratta di immotivate imposizioni, bensì di limiti necessari al loro sviluppo. Più facile a dirsi che a farsi? In effetti può essere così, spesso infatti la severità è confusa con la rigidità. Ricordate la famosa Mary Poppins? Chi meglio di lei sapeva scindere questi due concetti? Le regole sono regole e in quanto tali vanno rispettate, senza mai dimenticare però che si ha a che fare con i propri figli, la sensibilità dei piccoli va sempre e comunque tutelata e poi si sa… “con un poco di zucchero la pillola va giù”! Non vanno al tempo stesso sottovalutati i potenziali danni dovuti ad atteggiamenti eccessivamente permissivi, in questo caso infatti il bambino tende a farsi influenzare più facilmente da fattori esterni, come media, videogames e via dicendo.

    Come farsi ascoltare dai bambini

    Come farsi rispettare dai propri figli e come farsi ascoltare dai bambini? Una volta stabilite le regole su misura dei propri figli, è importante capire come gestirli ed educarli quando disobbediscono, specialmente se si tratta di bambini aggressivi . Evitate assolutamente di insultarli, picchiarli o minacciarli con avvertimenti del tipo “se… allora”, bandite inoltre i castighi troppo severi. La punizione non deve avere connotati repressivi, questo genere di reazione trasmette al bambino un messaggio inconscio pericoloso, del genere “chi sbaglia paga” o peggio ancora “Occhio per occhio, dente per dente”. Ma come farsi rispettare dal figlio in questi casi? Ciò che conta è fargli capire perchè e in cosa ha sbagliato, parlando in modo chiaro, controllando il tono di voce e il linguaggio del corpo. Lasciatelo libero di esprimere il proprio punto di vista, che eventualmente sarà corretto dal vostro intervento. Infine ricordate che i fatti sono davvero più importanti delle parole, un vostro esempio coerente sarà mille volte più efficace di una predica. Questo suggerimento è ancor più valido per i figli di separati, le continue liti tra genitori, riguardanti spesso i figli stessi, delegittimano le loro figure. E’ pressochè impossibile trasmettere il rispetto ai bambini, e anche ai figli maggiorenni, se non si è in grado di farlo proprio.

    Dolcetto o scherzetto?