Come diventare un buon papà

da , il

    come-diventare-un-bravo-papà

    Come diventare un buon papà? Bravi papà si nasce o si diventa? Non si fa altro che parlare delle mamme, ma esistono regole valide per la paternità? I papà sono abituati a cavarsela da soli, evitando consigli e confronti, complice probabilmente un’eredità culturale di stampo maschilista, che li ha costretti a indossare per secoli una maschera da veri duri. Oggigiorno gli equilibri familiari sono mutati e i maschi di casa, finalmente, concedono ai figli baci e carezze, dimostrandosi più morbidi e più disposti a mettersi in discussione. Ecco allora qualche consiglio per diventare dei bravi papà.

    Partecipate alla gravidanza

    Le mamme si sentono tali già durante la gravidanza, i papà al contrario si rendono pienamente conto del loro ruolo solo al momento del parto. Eppure sarebbe importante iniziare a percepirsi padri quanto prima, accarezzando il pancione, parlando col bebè, accompagnando la partner a fare shopping per il neonato in arrivo.

    Non trascurate vostro figlio

    Il lavoro assorbe molte energie e al rientro a casa, spesso, l’unico desiderio è fiondarsi a letto. E’ senz’altro comprensibile, ma un bravo papà saprà ritagliarsi piccoli spazi per i propri bambini, sfruttando per esempio i weekend o concedendosi qualche vacanza in famiglia. Anche il solo bagnetto serale può rappresentare un breve momento di condivisione.

    Trascorrete del tempo soli con vostro figlio

    Di tanto in tanto è importante concedersi dei tête-à-tête papà figlio/a. Invitate la vostra compagna a prendersi un po’ di tempo per se stessa, lasciandovi soli con il piccolo. Non c’è motivo di preoccuparsi, tutto filerà meglio del previsto!

    Siate affettuosi

    Se un tempo baci e carezze erano prerogativa femminile, oggigiorno non è più così. Dimostrare affetto ai propri figli non è certo segno di debolezza… tutt’altro! Abbracciateli, baciateli, stringeteli, un eccesso di affetto non comporta alcun rischio a differenza della depressione paterna, che può provocare problemi emotivi nei bambini.

    Divertitevi con loro

    Gli uomini hanno un’innata attitudine al gioco, perché non sfruttarla per divertirsi con i propri figli? Cercate delle attività che divertano entrambi, lasciatevi contagiare dai loro sorrisi, a fine giornata sarete stremati ma felici.

    Rispettate la mamma dei vostri bambini

    Le separazioni sono in crescente aumento, ma il rispetto reciproco tra genitori non deve venire meno. L’esempio, più di qualsiasi ammonimento, è fondamentale per i bambini, da adulti tenderanno ad imitare i vostri atteggiamenti.

    Fate i lavori da mamma

    Chi l’ha detto che un uomo non può andare ai colloqui con le insegnanti, partecipare alle riunioni scolastiche, accompagnare i figli alle visite mediche e soprattutto contribuire ai lavori domestici? Sono tutti compiti piuttosto noiosi che vanno svolti in collaborazione con mamma. Questo sì che è un ottimo esempio per i vostri figli!

    Non pretendete troppo da voi stessi

    Capita anche ai papà di non sentirsi all’altezza del ruolo, ma colpevolizzarsi continuamente rischia di peggiorare le cose anziché migliorarle. Nessuno è perfetto, l’importante è impegnarsi, senza per questo rinunciare a se stessi. Un adulto insoddisfatto e insicuro tenderà a soffocare il bambino con atteggiamenti iperprotettivi, privandolo della libertà di sperimentare e sbagliare. Pronti a fare i papà? Caso mai aveste ancora perplessità, c’è sempre la possibilità di frequentare una scuola per imparare a fare i genitori!