Come aiutare il bambino a superare lo stress da rientro

da , il

    bambini scuola stress rientro

    Lo stress da rientro è pesante per tutti, soprattutto per i bambini che dovranno proprio in questi giorni ricominciare la scuola. I piccoli sono abitudinari, hanno i loro ritmi e cambiare clima e orari, tutte le volte, è comunque una fatica, anche se lo si fa per andare in vacanza. In più subentra un po’ di “depressione” perché le ferie significano stare più tempo con mamma e papà, che magari durante l’anno si vedono poco, non andare a scuola, giocare e fare delle esperienze incredibili. Tornare alla quotidianità può risultare faticoso. La cosa migliore è evitare di tornare proprio a ridosso della scuola, ma qualche tempo prima per riprendere confidenza con la casa e ritmi di vita.

    L’alimentazione per ricominciare con la giusta carica

    Aiutateli con la giusta alimentazione, anche per regolarizzare il sonno e per stimolare l’appetito. Entrambi potrebbero essere un po’ scombussolati dai ritmi meno rigidi delle vacanze. Per quanto riguarda l’alimentazione dovrà essere varia, leggera e gustosa. Grandissima importanza ha la colazione: cercate di svegliare il vostro bambino 5 minuti prima se questo tempo può essere importante per farlo mangiare in modo rilassato. Dovrà quindi sedersi a tavola e gustarsi una tazza di latta con biscotti o con cereali, un po’ di frutta e una spremuta fresca: si tratta di un passo fondamentale per fare in modo che abbia le energie necessarie per affrontare la mattinata a scuola. Importantissima è anche la merenda di metà pomeriggio: evitate però merendine confezionate e proponete della frutta, pane e marmellata e magari, finchè fa ancora caldo un bel gelato sano e artigianale. E’ anche importante che i piccoli comincino a regolarizzare il sonno cercando di dormire ogni sera più o men alla stessa ora.

    Consigli per ridurre lo stress del ritorno a scuola

    E’ anche bene cercare di stare il più tempo possibile con loro proprio in questo primo periodo di reinserimento a scuola: sfruttate le ore libere per andar in piscina, visto che fa ancora caldo, o per fare un giro in bicicletta. Insomma, il ritorno alla “normalità” deve essere graduale. In questo modo le vacanze saranno un bellissimo ricordo e non ne avrà troppa nostalgia. Sempre importantissimo, almeno due pomeriggi alla settimana è portare il vostro piccolo al parco per giocare con i suoi amichetti: evitate di caricarlo di impegni da subito, dilazionando anche la frequenza dei compiti a casa nei primi giorni di scuola.