Come affrontare la prima gravidanza?

da , il

    prima gravidanza

    La prima gravidanza è davvero un’emozione. Immaginatevi in bagno, mentre state stringendo tra le mani il test positivo. C’è poco da fare, in quel momento la vostra vita è cambiata. Nulla sarà più come prima, perché l’arrivo di un bambino ti travolge e stravolge l’esistenza. Ma come affrontare i prossimi nove mesi? Che cosa mangiare, quali visite fare e il parto, naturale o cesareo? Ragioniamo per gradi, è inutile adesso fasciarsi la testa. La gestazione è una fase complicata, ma deve essere vissuta con serenità. Ecco perché abbiamo preparato per voi qualche semplice consiglio.

    Visita dal ginecologo

    La visita dal ginecologo deve essere la prima cosa da fare. Una volta verificato che il test è positivo, telefonate al vostro medico. Questa dovrebbe essere la regola numero uno. Ci sono una serie di esami del sangue che vanno fatti per essere sicuri che alcune malattie siano già state maturate dalla mamma (come la rosolia o la toxoplasmosi). Inoltre, con il dottore progetterete come affrontare la gravidanza: visiti mensili, almeno tre ecografie (di cui una morfologica), poi c’è da fare il Bi test, la translucenza nucale e l’amniocentesi. Alcuni esami sono obbligatori, altri facoltativi se la mamma sta bene ed è giovane. Consegnatevi nelle mani del vostro esperto di fiducia e godetevi il momento.

    Evitare lo stress

    La seconda regola è evitare lo stress. Sappiamo bene che forse questo è l’impegno più gravoso: portare dentro di sé un piccolo mette già ansia (vi sarete già chieste nei primi 10 minuti almeno un milione di volte: ma starà bene???) e si va ad aggiungere a quello quotidiano. Allora dovete lavorare su di voi e impegnarvi a prendere la vita con più calma. È importante che riposiate e abbiate orari regolari. È fondamentale che non saltiate i pasti e che troviate del tempo per fare un po’ di movimento. Siete all’inizio della gravidanza e se state fumando, questo è il momento giusto per alzare le mani e deporre le sigarette. Il bambino assorbe tutto dalla mamma, anche gli umori. Non è il caso di nuocere – anche se involontariamente – alla sua salute e al suo equilibrio mentale.

    Stare attente alla dieta

    Una donna incinta non è malata e non deve comportarsi come tale, così come una donna incinta non deve stare a dieta (nel senso di dieta dimagrante). L’alimentazione è un aspetto molto importante e in questa fase, più che mai, avete bisogno di dedicarvi con un po’ di calma alla cura dei vostri pasti. Evitate di bere alcolici, caffè in eccesso e di straforgarvi. Non è vero che una donna in attesa debba mangiare per due. Deve però fare il pieno di vitamine e di omega 3. Quindi sì a frutta e verdura, ma anche a tanto pesce. Occhio alla carne cruda, agli insaccati e alle verdure crude o alla frutta non lavata bene: il pericolo toxoplasmosi si nasconde tra gli alimenti. Il vostro ginecologo vi fornirà un elenco di cibi che potete o meno mangiare. Dagli esami del sangue, inoltre, risulterà evidente se avrete bisogno anche di integrare con un multivitaminico.

    Fonte Foto di publicdomainpictures.net