Carla Bruni e il look da neomamma, dimesso e comodo. Peccato per il botox…

da , il

    La Carla Bruni che non ti aspetti: look dimesso per la neomamma, ma davvero dimesso… Niente trucco, qualche capello bianco che si comincia ad intravedere, abbigliamento “quasi” casalingo, composto da pantaloni scuri, comodi e non modello “skinny”, scarpe basse e ampio maglioncione color nocciola a coprire, forse, ancora qualche rotondità di troppo. Davvero un’immagine “low profile” quella scelta dalla première dame di Francia, per una delle sue prime uscite ufficiali del 2012, e in assoluto dopo la nascita della sua piccola Giulia, avvenuta, come certo ben ricorderete, alla fine dello scorso mese di ottobre.

    L’occasione è stata una visita presso l’ospedale pediatrico per bimbi disabili di Garches, una vera e propria istituzione nell’ambito della sanità pubblica parigina. Ebbene, madame Sarkozy è stata definita dai giornali come “nuova di zecca” e, ci dispiace dirlo, ma forse quell’espressione usata dai magazines francesi non si riferiva solo ed esclusivamente all’abbigliamento… Come si può facilmente rilevare dalle foto, Carlà appare un po’ “tirata” in viso, un po’ troppo, e non crediamo che sia un effetto della maternità.

    Secondo noi, infatti, c’è lo zampino di monsieur le botòx, e del resto non sarebbe la prima volta che la Bruni si avvale degli effetti “miracolosi” (si fa per dire) delle iniezioni di botulino. Noi non abbiamo nulla contro il nuovo look della neomamma Carlà, che, anzi, ci piace assai, perché è molto più naturale che nei primi mesi dopo la maternità, una donna non sia ancora pronta (e forse non ne abbia alcuna voglia) di infilarsi immediatamente in abiti succinti e sexy, come spesso ci capita di veder fare alle mamme vip a poche settimane dal parto, con evidenti forzature dovute, più che altro, a necessità di immagine.

    Quello che ci piace di meno è proprio il ricorso a filler e botox vari, che lungi dal migliorare il già bellissimo viso dell’ex modella e cantautrice 45enne, al contrario, finiscono per involgarirne i connotati. Se la première dame potesse sentirci, le consiglieremmo di continuare a mostrarsi così, al naturale, perché se lo può permettere benissimo, ma al naturale “per davvero”, il suo aspetto ne trarrebbe senza dubbio giovamento. In ogni modo, auguri anche a lei per questo 2012!