Canzoni bambini: la sigla dei “Barbapapà”

da , il

    Avete presente la famiglia dei Barbapapà? E la frase storica? “Resta di stucco è un barbatrucco”! Appassionano ancora i bambini di tutte le età esattamente come accadeva quando ero piccina io. Così, visto che la mattina li guardiamo preparandoci per la scuola, ho deciso di approfondire la conoscenza del cartone animato. Ecco cosa ho scoperto. Sono nati in Francia nel 1970, inizialmente destinati ai bambini sotto i 5 anni. Per questo ogni episodio dura pochissimi minuti.

    Trasmettono messaggi e valori sani e semplici e al contempo rappresentano qualche caratteristica apprezzabile dell’essere umano: c’è la bellezza un pò vanitosa, la forza fisica, il gusto e la capacità artistica ecc. Amano gli animali e li salvano spesso nelle loro avventure, educando i bambini in questo senso.

    Ma inutile descriverveli ulteriormente perché li conoscete benissimo,vero mamme? In Italia sono approdati sul secondo canale della Rai nel 1978.

    La cosa più curiosa però secondo me riguarda la sigla. Sapete chi l’ha scritta? Il mitico Roberto Vecchioni. Ed era cantata niente di meno che da Orietta Berti e Claudio Lippi (anche doppiatori ufficiali dei personaggi) insieme ad un gruppo chiamato “Le mele Verdi”. Ecco di seguito il testo della facile canzone da imparate a memoria.

    “MA CHI SONO I BARBAPAPA’?

    Ecco arrivare i Barbapapà (chi sono poi)

    Barba e Mamma Barbapapà (conigli piccoli e grandi)

    tu li vedi trasformare come gli va

    Barbapapà è tutto rosa, più di una rosa rosa!

    Barbamamma ha un po di nero, più di una rosa nera!

    Barbitulle è giallo giallo.

    Barbalalla è verde come un fico!

    Barbottina piccina ha il colore dell’arancio!

    Barbu il più nero di un corvo!

    e quando dipinge si è certi che si macchia da tutte le parti!

    Barbabella è violetta.

    Barbidu è tutto blu!

    Barbadura grande atleta rosso come il fuoco è! ( e da loro c’è felicità).

    Ecco arrivare i Barbapapà (Barbapapà)

    nella famiglia Barbapapà (vieni con noi dai Barbapapà)

    tu li vedi trasformare come gli va (come gli va)

    (vieni con noi dai Barbapapa)

    Ci sono Barbapapà, Barbamamma, Barbablu, Barbiuil,

    Barbabella, Barbabarba, Barbottina, Barbidu, Barbalalla!

    Insomma, che ne dite? Epocali i Barbapapà, proprio come i Puffi!