Bruciore di stomaco in gravidanza: cosa mangiare e cosa prendere

da , il

    bruciore-in-gravidanza

    Il bruciore di stomaco in gravidanza è un disturbo piuttosto diffuso sia nei primi mesi che nell’ultimo trimestre. In questi delicati periodi, il corpo subisce delle importanti trasformazioni, entrano in circolo molti ormoni tra cui il progesterone, che favorisce il rilassamento della muscolatura addominale, soprattutto dell’utero, e della valvola detta “cardias”, il cui scopo è impedire ai succhi gastrici di risalire verso l’esofago onde evitare irritazioni. Il rilassamento di questa valvola è tra le principali cause di bruciori allo stomaco ad inizio gravidanza. Negli ultimi mesi la principale causa è il peso del bimbo all’interno dell’utero, che mette sotto pressione il medesimo muscolo. Scopriamo allora i rimedi, i sintomi, cosa mangiare e cosa prendere.

    Cosa mangiare

    Per evitare il bruciore e il gonfiore di stomaco per prima cosa sarà importante apportare semplici modifiche alle nostre abitudini quotidiane iniziando dai pasti, che andranno spezzati in tanti piccoli spuntini. Per quanto riguarda la cena, si consiglia di consumarla almeno 2 ore prima di coricarsi in modo da non interferire con la corretta digestione. Onde evitare l’acidità di stomaco in gravidanza è importante eliminare totalmente dalla dieta fritti, grassi, cibi piccanti, caffè e bevande gassate, che favoriscono l’insorgere del disturbo. Particolarmente consigliate alcune verdure tra cui lattuga, utile per regolare le secrezioni acide nello stomaco, la radice di gingembro, da masticare per alleviare il bruciore, e infine il finocchio, ideale per chi soffre di problemi di digestione. Fortunatamente latte e yogurt sono importanti alleati per combattere questo disturbo, alleviano i sintomi quasi immediatamente.

    SCOPRI QUALI SONO I MIGLIORI CIBI CONTRO L’ACIDITA’ DI STOMACO IN GRAVIDANZA

    Cosa prendere

    Per combattere il bruciore, i medici prescrivono spesso farmaci a base di sali di alluminio e magnesio, da assumere secondo le loro indicazioni. Per quanto riguarda i rimedi naturali, il classico bicchiere di latte dopo i pasti è certamente molto efficace per alleviare i sintomi. Ottimi anche l’acqua di melissa, da assumere diluita in acqua e facilmente reperibile in qualunque erboristeria, e le tisane a base di finocchio, utilissime per favorire la digestione.

    Dolcetto o scherzetto?