Bambini, è online il sito “118bimbi” dedicato alle emergenze

da , il

    118bimbi

    Come possono i bambini affrontare le emergenze? Non è facile insegnare a un bambino come chiamare aiuto, come fargli capire quando in casa (o no) è scoppiato un pericolo. Oggi però c’è uno strumento in più. È il sito «118bimbi.it» curato dall’associazione onlus «118bimbi Giorgio Patrizio Nannini», che ha come scopo quello di avvicinare i piccoli al mondo delle emergenze, ovviamente utilizzando un linguaggio adatto ai bimbi, fatto quindi di giochi e iniziative multimediali divertenti.

    Questo sito si rivolge anche ai genitori, agli insegnanti e a tutti gli operatori dell’emergenza che già hanno attivato o hanno in programma di attivare iniziative per insegnare ai più piccoli il corretto approccio al 118. Perché non basta saper digitare il numero, è importante anche capire come relazionarsi con il servizio.

    Ricordiamo che gli incidenti domestici causano, ogni anno, moltissime vittime e che tra queste, numerosi sono i bambini. C’è uno spazio sul portale in cui è possibile anche interloquire con uno psicologo, per cercare di meglio comunicare con i piccoli. Sul sito è possibile, inoltre, prendere visione anche di due progetti di formazione rivolti al mondo della scuola, realizzati rispettivamente dalla Misericordia di Livorno e dall’AREU (Azienda Regionale Emergenza Urgenza) della Lombardia.

    Insomma, si sta lavorando con una certa cura e attenzione al tema dell’emergenza sanitaria dei bambini. È sicuramente un campo tutto da esplorare e si deve prima di tutto basare su quella che è la corretta educazione alla chiamata. Il prossimo 19 marzo, in occasione anche della festa del papà, sarà presentata una nuova campagna dedicata all’uso dei servizi di emergenza. Il progetto è realizzato dall’AGENAS, l’Agenzia nazionale per i Servizi Sanitari.