Bambini, è allarme tatuaggi e piercing negli Stati Uniti

da , il

    tattoo bambini

    I bambini amano disegnare sul loro corpo e giocare con gli orecchini della mamma. Finché questo resta un gioco non c’è nulla di male, se si trasforma però in una moda forse è meglio parlarne con un po’ di attenzione. Stanno dilagando anche tra i piccoli i tatuaggi e i piercing. L’American academy of dermatology (Aad) ha deciso quindi di affrontare questo tema, parlando delle conseguenze, dalle allergie alle infezioni. Ma vediamo meglio lo studio elaborato da Aad.

    Il primo orecchino arriva sempre prima e così come i tatuaggi, sia permanenti sia temporanei all’henné. Purtroppo questa moda scatena reazioni allergiche e infezioni a causa degli aghi, spesso non igienizzati a dovere, degli inchiostri o dei bijoux. Tenete conto le allergie negli ultimi 5 anni sono raddoppiate, soprattutto a causa dei disegni sulla pelle all’henné.

    È bene quindi che i primi a esserne consapevoli siano i genitori. Vietare è sempre molto complicato, ma qui ovviamente si sta parlando della salute del bambino. Gli stessi dermatologi hanno pensato anche di rivolgersi direttamente ai piccoli di casa, raccontando che i buchi alle orecchie, esattamente nel lobo, possono scatenare reazioni e cheloidi (cicatrici in rilievo molto brutte).

    Ma c’è di più. È consigliabile non bucare, per lo stesso motivo, altre parti del corpo. Così com’è sconsigliato fare il fai-da-te con l’aiuto di un amico. Se proprio però siete convinti, prima di qualsiasi azione definitiva è meglio chiedere una visita dal dermatologo. Sarà il medico a fornire le indicazioni per evitare le infezioni e le allergie.