Bambini: come imparano a parlare

da , il

    L’acquisizione del linguaggio è un meccanismo che abbraccia tante aree da quella neurologica a quella psichica, fino a quella affettiva. Si passa dai primi pianti alla lallazione fino alle prime paroline e infine le frasi. Come i nostri piccoli apprendono il linguaggio è ancora parzialmente avvolto nel mistero. Una caso è certa ai bambini piace comunicare e lo fanno in qualsiasi modo attraverso le varie fasi dello sviluppo cercando strategie per comunicare con gli adulti di riferimento. Possiamo dire che per i bambini tutto è linguaggio e lo apprendono attraverso ciò che hanno intorno, più in particolare attraverso la famiglia con cui passano la maggior parte del tempo e perchè investita da sentimenti affettivi.

    Attraverso il linguaggio il bambino ripropone la storia della sua famiglia e si appropria del mondo esterno. I bambini infatti sono molto ricettivi e attenti a tutto ciò che gli viene detto e a tutto ciò che ascolta che non è riferito a loro apprendendo quello che viene detto lessico familiare ossia vocaboli talvolta inventati che costruiscono l’identità familiare. Possiamo dire che finchè il bambino non sarà scolarizzato le sue parole sono le stesse della sua mamma. Il bambino inizia a comunicare dai primi attimi della sua vita, infatti i neonati comunicano con diversi tipi di pianto per segnalare il bisogno di fame di sonno o di essere cambiati.

    È la mamma che deve imparare a leggere piccoli segni che la porteranno a comprendere il suo bambino. Il nostro piccolo non piange mai senza motivo. A partire dai 5 mesi circa il bambino inizi a produrre tutta una serie di vocali che poi saranno sillabe, comincia la fase di lallazione. L’incoraggiamento delle persone che gli sono intorno è essenziale. Quando le sillabe sono accompagnate dal tono siamo all’inizio del proto-linguaggio. Pian piano ci sarà l’acquisizione di paroline , successivamente frasi nucleari e poi finalmente i veri e propri discorsi, ma attenzione la partecipazione attiva della mamma è essenziale.